Dall’ossessione per Berlusconi a quella per il Paese.


Negli ultimi mesi i media tradizionali hanno inseguito gli umori, e in particolare le stranezze (fan di Totò Riina, idolatri di Massimo Tartaglia, amici dei pedofili), della rete. A ogni evento seguiva la precisazione: “e su Facebook…”. Con vette paradossali come quelle toccate dal Corriere della Sera che, nel giorno dello spintone al Papa, segnalava i quattro iscritti al gruppo “Susanna Maiolo ti devi vergognare” e i quindici membri di una pagina analoga. Non male su tredici milioni di utenti.

Ebbene il giocattolo si deve essere, in qualche modo, rotto, se è vero che da settimane migliaia di utenti (di Facebook e non) si chiedono se l’aggressione a Silvio Berlusconi sia una montatura o meno, senza destare interesse (o quasi) neppure in quotidiani e telegiornali che solitamente non si lasciano sfuggire l’occasione di criminalizzare i social network o, più in generale, diffondere l’idea che la rete sia in mano ai sovversivi (parola di Gabriella Carlucci). Strano dunque che passi inosservato un gruppo con quasi seimila iscritti in cui si chiede di firmare un “esposto-denuncia” al Procuratore di Milano per “chiarire una questione di grandissima rilevanza sociale” e “definire con precisione l’idea di una grandissima messa in scena“. Il tutto con cinque dettagliatissime domande a corredo, come: “la quantità di moto dell’oggetto era tale da arrecare i danni dichiarati?”. 

I complottisti sono in costante aumento, e continuano a darsi da fare. Alcuni membri del “Popolo Viola”, ad esempio, organizzano una campagna di affissioni uguale e contraria a quella del PDL di Basiglio. Altri frequentatori di Facebook chiedono addirittura una interrogazione parlamentare “per accertare la verità sulle lesioni subite dal Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi a seguito dell’aggressione”. Per non parlare dei video che impazzano su YouTube.

Tra questi, quello di una televisione tedesca, che “suppone che l’aggressione a Berlusconi sia stata tutta una farsa”. Ne parla Sonia Alfano, europarlamentare dell’Idv, in un videoappello al Presidente della Repubblica in cui chiede a Napolitano di fare tutto il possibile per capire se “quello che dice la televisione tedesca ha solo un margine di realtà, perché se così fosse vorrebbe dire che qualcuno ci ha preso in giro in maniera veramente straordinaria, ma soprattutto ha preso in giro lei, Presidente. Noi abbiamo il diritto di sapere la verità, e di difendere la Costituzione da attacchi spietati”. Un merito, tuttavia, è già accertato: la televisione tedesca ha in ogni caso detto “quello che tanti pensano e nessuno ha il coraggio di dire“.

Ora mi chiedo: per quale motivo i media non si approfittano di questa ghiotta occasione per vendere l’idea che internet vada “regolamentato” e che Facebook debba essere “chiuso” (Emilio Fede)? Non che lo desideri, sia chiaro. Tuttavia è evidente la sproporzione tra il fuoco mediatico di cui fu vittima, ad esempio, Matteo Mezzadri, e il silenzio calato su questa assurda vicenda. Silenzio che, naturalmente, fa il gioco dei complottisti (“se non ne parlano è perché è tutta una montatura”). 

Chiedo dunque a chi di dovere di rendere pubblico tutto il materiale che concerne la prognosi e le cure ricevute dal Presidente del Consiglio a seguito dell’aggressione. Soltanto a questo modo si potrà superare del tutto questa bruttissima pagina della nostra storia recente, che altrimenti continuerà ad esistere tra le maglie digitali dei sospetti. Soltanto a questo modo si potrà sostituire all’ossessione per Berlusconi quella, ben più salutare, per il bene del Paese.

Un pensiero su “Dall’ossessione per Berlusconi a quella per il Paese.

  1. Ecco il video della seguente ricostruzione della nostra discussione>http://www.youtube.com/watch?v=rcUsWgUlphc ……..ma se a questa ci aggiungete anche questo video che nei primi 6 secondi si vede Larussa che dopo aver toccato la guardia del corpo esce dalla folla e si dirige verso l’auto battendo con la mano sulla t…esta e avvisa le guardie dicendo state pronti che fra un po’ si entra in scena!Ovviamente si nota sempre al secondo 6 il braccio di tartaglia che colpisce.>http://www.youtube.com/watch?v=Lm74vPGAmCo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...