Su Beppe Grillo a Udine

C’è qualcosa di antico, di romantico perfino, nel successo dello Tsunami tour di Beppe Grillo per l’Italia. E’ come raccogliesse la volontà più profonda e al contempo superficiale di politica di un popolo stremato dalla sfiducia. Che chiede risposte semplici, e subito, e le vuole sentire enunciate in piazza, più che in televisione o su Twitter. Sarà un caso, ma i sondaggi di Grillo sono scesi quando si è involuto nella retorica della Rete infallibile, nel periodo delle parlamentarie online e delle epurazioni dei dissidenti. E hanno ripreso a salire, e ancora lo sottostimano, a occhio, quando ha ripreso a calcare le piazze. Forse per questo Grillo ha sostituito la retorica del ‘movimento’ con quella della ‘comunità’, la vera cifra di questo tour elettorale. Passando dall’idea del movimento contro i partiti a quella di un noi grande quanto il popolo italiano, in cui il nemico sono, più che le persone che nutrono con il loro consenso strutture ormai inadeguate a rappresentarle, i loro soli burocrati, funzionari e gerarchi. Quelli che non possono uscire dagli studi televisivi senza essere contestati. Quelli che la campagna elettorale la stanno facendo con gli staff di comunicatori, sfruttando il tic delirante dei vecchi media per i nuovi media. Grillo invece punta sullo spettacolo, certo, ma anche e soprattutto sul suo fare trollesco, su una derisione che appare immediatamente come tale solamente quando gliela si vede in faccia, e che invece per interposta persona sembra – e a volte lo diventa – il vezzo del tiranno malriuscito. E’ l’ironia la chiave più paradossalmente sottopesata di questa corsa dell’ex comico, diventato capo politico, verso un trionfo che, io credo, ci sarà. Il resto, lo sappiamo, è Grillo, con tutti i suoi terribili difetti, dai programmi scarni, vaghi, ai proclami assoluti, dall’utopia che lui definisce «concreta» e invece lo è talmente poco da stentare a definirsi utopia. Ma guai a prendere sotto gamba le piazze stracolme – a Udine in vita mia, mai vista così piena – e soprattutto le istanze che porta chi le riempie. Perché è vero che replicare il dna del MoVimento 5 Stelle, dai tagli ai costi della politica ai propositi di trasparenza totale, è semplice, e finalmente i partiti se ne sono accorti. Ma è altrettanto vero che è tardi, troppo tardi per farlo in modo credibile. E, soprattutto, è terribilmente tardi per offrire una visione alternativa del Paese. Può piacere o meno, ma Grillo indubitabilmente ne è portatore sano. Gli altri, al contrario, si affannano tra percentuali, alleanze, visioni stitiche di un futuro che non riescono nemmeno a dipingere come radioso, o quantomeno diverso. E si ritorna al romanticismo, al sapore antico del comizio a cinque stelle. Che odora di idealità. Folle, rabbiosa, pericolosa perfino nelle sue punte più aspre: ma comunque più affine all’idealità che è il cuore, e il motore, della politica.

Annunci

7 pensieri su “Su Beppe Grillo a Udine

  1. Articolo bellissimo, che racconta in modo semplice ma superbo cosa succede nelle piazze d’Ialia, fatto totalmente e clamorosamnete ignorato dai mass media…delinea anche entusiasmi e limiti del M5S..ma soprattutto mette in risalto la voglia di cuore e futuro delle persone oggi in italia.

  2. Da quando folle spinte dalla paura del futuro a cercare una catarsi emotiva in una piazza, pendendo dalle labbra di un comico (che con le tecniche della comicità veicola i suoi messaggi) populista (populismo=cercare consensi usando luoghi comuni di facile presa) hanno smesso di essere un pericolo?

    Per rendersi meglio conto di ciò che è il grillismo, anche una volta spogliato del vasto pubblico che calca le piazze (e che non è affatto detto sia lì per la politica e non per lo show) suggerisco di passare mezza giornata a leggere i commenti dei “lettori” sul blog di grillo…di meditare sul fatto che essi si rivolgono a lui, chiamandolo “beppe” e rivolgendoglisi come se credessero di avere davvero un rapporto interpersonale con “Lui” (che MAI risponde)…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...