La tv che ti guarda

E’ il 2013, il 1984. L’anno, cioè, in cui tu guardi la tv, e la tv guarda te. A quanto scrive Phys.org, al Ces di Las Vegas è stata infatti presentata una televisione dotata di tecnologia di riconoscimento facciale e «sensori» in grado di capire chi la sta osservando. Il fine? Offrire una programmazione dinamica, modulata sulle preferenze di chi è di fronte allo schermo in quel preciso momento. Servono un sacco di dati sugli spettatori, ma – lo sappiamo – non è un problema: basta chiamarla «personalizzazione», come scrive Eli Pariser ne ‘il Filtro’, e i dubbi si dissolvono. E infatti, è proprio la parola magica che usa il responsabile per gli Stati Uniti dell’azienda produttrice, la cinese TCL: «Abbiamo sviluppato molte innovazioni per personalizzare la fruizione degli spettatori». Che ciò si traduca in un’altra, l’ennesima, marea di dati consegnata nelle mani di quello che un esperto definisce, più che il Big Brother, il Big Marketer, è materia per cultori della privacy. Perché, scrive Pariser, «come strategia di mercato, la formula dei colossi di Internet è semplice: più informazioni personali sono in grado di offrire, più spazi pubblicitari possono vendere, e più probabilità ci sono che compriamo i prodotti che ci vengono mostrati». Che la TCL si appoggi all’intelligenza (sì, l’altro trucco è chiamare tutto smart: questa, infatti, è una smart tv) della piattaforma Google Tv, a questo punto, dovrebbe suonare meno strano.

5 pensieri su “La tv che ti guarda

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...