Silenziare

Monti che chiede a Bersani di «silenziare» Fassina, vuole «tagliare le ali» o ironizza (autorevolmente, sia chiaro) sulla «statura accademica» di Brunetta non mi sembra particolarmente diverso dal Vendola che accusa lo stesso Monti di essere un politico di razza, sì, ma della «razza padrona» di scalfariana memoria o dal blogger massa che su beppegrillo.it scrive che «Raitre deve chiudere». Linguaggi diversi, eppure simili. E dunque o sono tutti moderati, o non lo è nessuno. E’ in questo atroce dilemma semantico, in questo vortice di nulla che finisce la retorica – altro vortice di nulla – della sobrietà, della tecnocrazia altra dalla politica, dell’Italia che ha voltato pagina e ora guarda con la testa alta al futuro. Non tanto o non solo per presunte riforme o luci in fondo al tunnel (anche qui, quali), ma anche e soprattutto perché la politica che viene avrebbe dovuto parlare un’altra lingua, dire basta alle promesse elettorali e alla personalizzazione del dibattito politico, coinvolgere la società civile. E invece ci lascia con quel «silenziare», con l’idea montiana di abbassare le tasse, con il suo nome (Monti! Monti! Monti!) sul simbolo (o sui simboli) e Casini, Fini e i soliti democristiani che parlano per valori non negoziabili (i loro) alle sue spalle. Nel nome dei cittadini, come un Barbato qualunque. O con gli ex leader seduti in bella vista, nelle prime file, come un rivoluzionario civile appena sbarcato dal Guatemala qualunque. Insomma, in quel «silenziare» c’è tutto il bruttissimo, degradante attaccamento alla vita della Seconda Repubblica e, qui sta il cortocircuito, dei suoi presunti assassini. Io scommetto sul non decesso.

4 pensieri su “Silenziare

  1. Io avrei aggiunto il Fassina che invita brutalmente Ichino ad andarsene dal PD, perché ne rappresenta solo il 2% dei consensi [ma poi Renzi ha preso il 40% in primarie di coalizione, non del partito] e l’Unità che dà del fascistoide a Matteo Renzi.

  2. Mi ha stupito anche a me il modo in cui Monti è entrato (o salito, come piace a lui) nell’arena politica con toni e parole simili ai soliti politici (anche se più bassi rispetto a quanto siamo abituati). L’unico che sembra schivare la rissa sembra Bersani, per ora…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...