Le lacrime di un ‘tecnico’.

Qualcuno pensa sia una mancanza di professionalità. Altri finzione. O peggio: un insulto, irrisione. O ancora, nulla, un’arma di distrazione di massa tra le tante. Eppure a me le lacrime del ministro Elsa Fornero durante la conferenza stampa in cui ha presentato la sua riforma delle pensioni hanno commosso. Non tanto o non solo per la semplice empatia che evoca, istintivamente, qualunque manifestazione di umanità, se sincera. Ma per quello che rappresentano. E cioè la politica nella sua essenza: fare ciò che si ritene razionalmente giusto fare per il bene comune, anche se si sa che arrecherà delle sofferenze.

Siamo lontani anni luce dal cabaret dell’era berlusconiana. Dalle battute da osteria, dagli annunci roboanti, dai sorrisi in favore di camera e dalle soluzioni miracolose. Per non parlare della distanza con quanto accaduto a Vicenza, dove in una sala colma di bandiere e tifo da stadio una serie di vecchi nostalgici ha provato a riscaldare la platea con il mito di una rivoluzione mai fatta eppure già persa. E dove l’ex ministro dell’Interno si è addirittura vantato di aver subito una condanna passata in giudicato per essersi opposto alle forze dell’ordine che ha rappresentato. Il tutto a danno del suo Paese, e beneficio di uno immaginario.

A questa politica gli italiani hanno dimostrato, giustamente, di non credere più. Di non voler affidare la loro delega al governo del Paese. Le lacrime del ministro Fornero, rompendo involontariamente questo muro di falsità, hanno avuto il pregio di ricordare che c’è dell’altro. Che si può credere davvero in ciò che si fa. Che la fatica di alienarsi il consenso dovrebbe essere più che compensata dalla consapevolezza che, nel lungo termine, gli effetti degli sforzi andranno a beneficio di tutti, anche di chi dissente. E insegnano, forse soprattutto a loro, che la politica non è buona e giusta soltanto quando dice quello che vorresti sentirti dire.

Significativo che a suscitare questi pensieri sulla politica sia un professore, un ‘tecnico‘.

(foto: Repubblica.it)

Annunci

43 pensieri su “Le lacrime di un ‘tecnico’.

  1. Sono completamente d’accordo e non avrei saputo dirlo meglio. Anche io sono rimasto colpito da questa reazione. Subito ho pensato che non dovrei essere così sensibile alle lacrime, però poi mi sono detto che se quelle lacrime sono davvero sincere, allora mi fido di questa donna.

  2. sono rimasto molto colpito come te dalla conferenza stampa di stasera, più dalle parole di Monti che dalle lacrime dell’ “Emma”. E sono anche convinto che berlusconi sia già un puntino nello specchietto retrovisore. Ma da qui a dire che gli Italiani hanno svoltato, aspetterei un po’. Prova a parlare domattina con qualcuno in odore di pensione poi mi dici. prima che gli italiani imparino a fare i “cittadini” come finalmente ci ha definito Monti e non più i telespettatori servirà molto lavoro.

  3. E….allora misa che rimango solo….

    MA SONO LACRIME DI CHI PENSA:

    “CAZZO, SONO SALVA,IO IL MIO STIPENDIO MILIONARIO LO PRENDERO’. POSSO AIUTARE LA MIA FAMIGLIA.
    …..PERO’ CAZZO, HO LOTTATO SEMPRE PER LA GIUSTIZIA …E ORA PER AVERE ASSICURATO IL MIO STIPENDIO…DEVO VENDERMI AI MASSONIGOVERNANTI DI STO MONDO.”…..

    ECCO, HA SCOPERTO IN QUEL MOMENTO CHE SI E’ VENDUTA…..HA VENDUTO SE STESSA, PUR ANDANDO CONTRO STA COJIONATA DELLE TASSE ALLE PENSIONI…….

    MAVAFFANCULO MONDO DI IDIOTIIIIIIIIIIIII!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    • Se ho ben capito, almeno loro lo stipendio lo lasceranno in cassa (spero di aver capito bene, ma non son sicuro se ne lasceranno solo una parte ne` se lo faranno tutti)
      Il problema pero` e` il parlamento, che e` identico all’altro ieri.
      E` inutile che Monti stia a pane e acqua, rispetto al suo predecessore, se poi tutto il parlamento fa le stesse cose di prima (stipendi e pensioni a cinque cifre, voli di stato per amici e parenti… blablabla…)

  4. E poi…..:

    ancora a dare la colpa a sti poveri idioti e inacculturati burloni italiani…..BASTA!!!!!!! Non è la verità.

    la verità, VOI NON CONTATE E NON CONTERETE MAI UN CAZZO NELLA STORIA DEL MONDO.

    Ma non dimenticate……………………………….c’è gente che tutti i secondi lavora per la storia del mondo, mentre voi vi ingozzate, quindi potete solo commentare e subire, anche la bomba H in testa, perchè vi piace la democrazia?…no, ma vi piace essere presi per il culo, quello si, quello vi piace tutti i giorni….(TV)

    eeeh sii, troppo facile vivere e aspettarsi che gli altri facciano qualcosa per voi fannulloni…….anche i politici……almeno la parte delle pecore fatela in silenzio, altrimenti il dobbermann si sveglia….e voi non lo volete vero???

    Almeno, se dovete s…..e fatelo in modo onesto, non io non lo s…..o e io non la l….o………morite in pace

    • Armati di dizionario, buon senso, argomenti che non puntano al solo flame e magari di qualche neurone in più, poi puoi tornare a spiegarci la tua idea così nichilista (senza offesa per Fabio).

      In alternativa, torna a fare il disfattista che ti riesce benissimo.

  5. Perdonami ma non trovo assolutamente commoventi le lacrime della fornero. Non ci vedo alcuna umanità. Anzi penso due cose. 1) poca serietà e professionalità. Se si sta li si prendono decisioni difficili e scomode ma non si può pensare di essere così deboli. È un ruolo pubblico. Se non si è in grado si fa un passo indietro (mi scuso per la frase che fa pensare inevitabilmente a qualcun’altro). 2) lascia supporre che la situazione è molto peggio di come ci viene raccontato. Della serie “e non sapete cosa vi aspetta dopo…”

    E poi basta con questo “prima era peggio”. Di questo passo accetteremo ogni cosa dicendo “eh peró prima…”

  6. “rompendo involontariamente questo muro di falsità”, o costruendone un altro?

    Anche i coccodrilli piangono. Chiamatemi cinico, ma non è certo la prima volta che un politico piange in TV per accaparrarsi i consensi dell’opinione pubblica. E puntualmente l’opinione pubblica ci casca.

    Ve lo dico chi altro politico nella recente storia italiana ha pianto? Volete proprio che ve lo dica?

    Facciamo così, ve lo faccio vedere direttamente: http://bit.ly/vzcPvp

    Poi, Fabio, tu ragioni assumendo che altre strade non vi fossero, che questa era l’unica cosa da fare. Non è così, non è assolutamente così.

    • Concordo con quello che dici.

      Ci sono altre cose che si possono e DEVONO fare.

      Ti/Vi confesso che la cosa che mi da piu fastidio e’ la mancanza di dibattiti e di scontri di idee.
      Insomma vorrei vedere piu informazione con la i maiuscola, mi piacerebbe vedere economisti come questi che ci governano dibattere con economisti sostenitori della decrescita per esempio.

      Vorrei vedere detta qualche verita’, iniziando con lo spiegare alla gente, che gli economisti non sono degli scienziati, e le cose che dicono sono semplici opinioni.

      Concludo lanciando un sasso nello stagno, per favore cercate libri e video del Professore Giacinto Auriti.
      E metteteci un po di impegno, aprire gli occhi su cose che non ci hanno mai detto non e’ mai facile.

    • Ma quella donna non deve certo accaparrarsi consensi come affermi.

      Sarai cinico come dici, di sicuro sei azzardato nel paragonare un’economista a mister B.

      Fortissimo inoltre come concludi il tuo commento, senza proporre soluzioni alternative ma affermando solamente “eeh guardate che un’alternativa esiste!”. Argomentare è passato di moda? 🙂

  7. Pingback: Tears for fear « OnLyon

  8. Secondo me ha pianto perché con gli studi a cui ha dedicato la vita sulle pensioni, sa che poteva fare altro ma che sicuramente le delegazioni dei politici le hanno impedito di fare.

  9. Beato chi ci crede a quelle finte lacrime… come Monti che, quando annuncia di voler rinunciare al compenso di premier e ministro dell’economia, abbassa lo sguardo… aveva bisogno di leggere quali sono i suoi incarichi? La comunicazione non verbale dice molto di più di ciò che i politici non dicono, perché abituati a mentire sempre! Sveglia!
    E sottoscrivo in toto quanto scritto qui sopra da Giacomo e da Fabio.

  10. Mi hanno sorpreso le lacrime del MInistro, sorpreso si, ma non commosso.
    Secondo me era la consapevolezza squisitamente femminile di una situazione pazzesca in cui siamo e che forse noi, popolo, non abbiamo fino in fondo. Siamo a un passo, o forse meno, da una situazione di non ritorno e queste sono misure di vera emergenza e chissà se serviranno. Non so . Io le ho interpretate così. Senza pensare ai prima ai dopo e ai durante.

  11. Non sono riuscito a collocare le lacrime del Ministro. Non mi hanno personalmente coinvolto perché non sono riuscito ad interpretarle. L’ipotesi più lusinghiera potrebbe essere quella della frustrazione per aver dovuto cedere senza ottenere alcun contrappasso. Perché a me sembra comunque scandalosa la manovra che hanno presentato priva di alcun bilanciamento rispetto ai soliti noti, i soli sembra ad avere rappresentanza parlamentare.

  12. Leggo sempre volentieri questo blog, lo trovo particolarmente interessante. Ma stavolta mi sa che anche il nichilista ha avuto un momento di “sbandamento”.
    Quelle lacrime non possono commuovere… stiamo scherzando? Piange lei? Forse piange dalla vergogna…
    Magari mi sbaglierò, ma non so proprio perchè cazzo piange…. Sapeva benissimo quale incarico stava per ricoprire e quali misure sarebbero state necessarie; sa benissimo che i soliti evasori non verranno minimamente toccati, che i suoi colleghi parlamentari continueranno a mangiare a quattro ganasce.
    Piuttosto, visto che non sa controllare le proprie emozioni, sarebbe il caso di mettere qualcun altro al posto suo; qualcuno magari che non soffra di disturbi dell’umore.

  13. Oltre le lacrime…Botte da orbi da parti del governo monti;
    calci negli stinchi da parte dei sindacalisti,
    politicanti del Parlamento in assetto di incursioni luddiste sulla manovra (leggi guastatori),
    buffonate folcloristiche della lega dei lumbard,
    moralismi e insulti velati dalle professioni (leggi in testa giornalisti) ecc.
    Mi piacerebbe sapere:e tu Nichilista cosa dici,pensi,faresti…di diverso dalle diverse CASTE o se preferisci LOBBY di potere ?

    Ma le parti veramente in causa: Il Popolo Italiano-italioti che dirà, come la prendera, casa potrà fare? forse si consolerà col citarsi addosso: CHI E’ CAUSA DEL PROPRIO MALE PIANGA SE STESSO
    Chi lo dirigerà ad attraversare il deserto (da un titolo del Sole 24 Ore)?
    Come farà ad affrontare-CONTENERE questa massa di LUPI famelici in agguato (leggi consensi vari)?

    Sin quì bisogna dare atto al Governo Monti che, se non altro, che il coraggio non gli è mancato…e nemmeno la faccia!
    Sara’ questo forse il vero governo del FARE ? visto che s.b. & C (leggi Silvio Berlusconi e Bissi-Lega) hanno solo pensato ai cazzi propri, naturalmente col tacito consenso delle cosidette opposizioni dentro e fuori dal palazzo?

    Grazie per l’ospitalità…questo blog mi piace!!!

  14. certo è un cambio di stile rispetto al cast precedente: siamo passati dal bagaglino alle telenovelas brasiliane degli anni 80

    ma se ti piace crederci… ognuno si fa del male come preferisce

  15. Capisco che dopo quello che abbiamo vissuto, questo sia il paradiso. E per lo stile siamo davvero alla standing ovation. Epperò un po’ a “nuovo stile, stesso ombrello” ci siamo

  16. Pingback: Fornero come Churchill. “Blood, sweat and tears” « It's not just the economy, stupid.

  17. Pingback: Fornero come Churchill. “Blood, sweat and tears” | Tr3nta

  18. Vi è n sondaggio su Corriere.it … Se le lacrime della fornero ci abbiano commosso o meno…. la maggioranza si è schierata per il sì…..come ho fatto io del resto… Ho votato sì.
    Ho voluto vedere nei ministri schierati un taglkùlio con il passato…. un nuovo avvio che, pur con sacrifici e lacrime e sangue ridarà futuro ai nostri figli…. Certo , anche Berlusconi ha pianto….. chi lo nega? Ma vi era un’aria diversa ieri sera nella conferenza stampa… la certezza che nessuno avrebbe fatto le corna…..ad esempio…. e la consapevolezza di quanto ci stanno chiedendo…
    Ma dove erabùno i sindacati quando si votavano manovre sullle pensioni baby a vantaggio dell’una o dell’altra corporazione? Dove eranoi sindacati che hanno portato la scuola allo sfascio approvando in toto la abolizione del tempo pienoa vantaggio del sud?
    Vi è un punto che non mi è chiaro…. si vociferava di Gabbie salariali….ieri non se ne è sentita parola… ho avuto le allucinazioni?
    Resto in attesa,.. con un liùumicino di speranza.

  19. CONCORDO CON QUANTO SCRITTO SOPRA .. LA POLITICA HA FALLITO E PER DARCI IL COLPO DI GRAZIA CI HANNO VENDUTO A NOI ITALIANI AI MASSONICI BANCARI , E CAPITALISTI SENZA SCRUPOLI .. UNA DELLE PEGGIORI DITTATURE DAL NOME DEMOCRAZIA

  20. Leggo sempre volentieri questo blog, lo trovo particolarmente interessante. Ma stavolta mi sa che anche il nichilista ha avuto un momento di “sbandamento”.

    quoto il commento di nibbio.

    Nietzsche sarebbe stato più logico.

    Ti ho scoperto proprio con un post in cui martellavi con argomenti puramente logici le azioni del governo Berlusconi, è la qualità che vedo in te e non in giornali come repubblica. Ti prego sveglia! =P

    La butto sul ridere ma sono serio.
    Cosa fai? Mike direbbe “ma chiusi mi è caduto sull’uccello!”

    e quoto ancora l’altro fabio:

    Poi, Fabio, tu ragioni assumendo che altre strade non vi fossero, che questa era l’unica cosa da fare. Non è così, non è assolutamente così.

    • Santiago, è solo la descrizione di una sensazione particolarmente umana, poco logica se vuoi, scaturita da ciò che ho visto, e che mi ha fatto ragionare su che cosa potesse significare. Non intende dimostrare niente, se non il racconto di ciò che mi è passato per la testa. Che certo, penso abbia senso, ma non ha la forza di un’argomentazione fondata su dati di fatto.

      Tra l’altro mi ha molto deluso il fatto che a nessuno sia interessato il fact-checking sulle affermazioni su Damiano, mentre questo modestissimo post di converso ha raccolto oltre 14 mila visite in 18 ore (non che mi dispiaccia, eh – solo che non me lo aspettavo). Anche questo è un dato su cui riflettere, no?

  21. TROPPO FACILE PIANGERE E FAR PAGARE SEMPRE AGLI STESSI ED HO SENTITO SU CANALI TELEVISIVI CHE NON SI RIESCE A TASSARE I GRANDI PATRIMONI MOTIVO NON SANNO COME FARE A CAPIRE A CHI APPARTENGONO QUESTO ERA IL SUCCO MA NE DITE PARECCHIE DI FREGNACCE A NOI CONTATE ANCHE I PELI NEL COSIDDETTO UOVO E NON SIETE CAPACI DI TASSARE I GROSSI PATRIMONI E VI RIFATE SU VECCHI E DEBOLI MA CHE VADANO VI CI HANNO MAI MANDATO A QUEL PAESE SAPESTE QUANTA GENTE CHE CE STA’. LEI CHE HA SCRITTO QUESTO ARTICOLO CONSERVI LA SUA COMMOZIONE PER CHI NON ARRIVA A FINE MESE E CON TUTTI GLI AUMENTI E I TIKET SULLA SANITA’ NON PUO’ PIU’ PERMETTERSI DI CURARSI NE DI PAGARE IL MUTUO E NON ANDRA’ DI QUESTO PASSO MAI IN PENSIONE ED HA PIU’ DI 40 ANNI DI LAVORO SENZA AVER FATTO UNA VACANZA DA QUASI 20 ANNI E MORIRA’ PRIMA DI POTERLA PRENDERE LA SUA PENSIONE E VOI GIORNALISTI VI COMMUOVETE PER DELLE LACRIME DI COCCODRILLO POVERA PATRIA MALTRATTATA ANCHE DA CHI DOVREBBE VEDERE OLTRE E CHE SI CREDEVA DESSERO VERE NOTIZIE CHI HA COMBATTUTO PER LA VERA INFORMAZIONE SI RIVOLTA NELLA TOMBA.GIORNALISTA INFORMA TE STESSO E TANTO PER DIRNE UNA PARLATE DELL’ISLANDA INVECE CHE DI LACRIME FALSE PARLATE DI GENTE VERA DEGNA DEL NOME DI PERSONA COSA CHE VOI NON SAPETE PIU’ COS’E’ PERCHE’ NON PARLATE DI QUELLO CHE VOGLIONO VOTARE ALLE SPALLE DI TUTTI GLI ITALIANI ENTRO IL 15 DICEMBRE E ANDATE A VEDERE A CHE MEETING ANDAVA IL SIGNOR MONTI MA CI SIETE O CI FATE?

    • (Fabio, perdona la pedanteria, modera tranquillamente se lo ritieni).

      Antonietta, forse hai scritto delle cose interessanti e condivisibili. Non lo saprò mai, e sai perché ? Perché il tuo commento è un interminabile URLO, un muro insopportabile di maiuscole. Al prossimo commento…

  22. Cari signori non lasciatevi impressionare. Non ho idea del perhe’ questa donna abbia manifestato un sentimento cosi’ forte in questa occasione ma la tensione per sapere di dover sottostare a ricatti e condizioni di agibilita’ politica ristretta possono produrre gli stessi effetti visivi di quelli di una mamma preoccupata per i propri figli.

    Quante poche ottimizzazioni in questo pacchetto di provvedimenti.
    Quante lacrime ho versato anche io la prima volta che sono stato chiamato come consulente in Rai

    Chissa’ se questi “ottimizzatori” sospettano lo sperpero di denaro che avviene in un’azienda pubblica come la Rai. Io visto stipendi per quadri, dirigenti e giornalisti, davvero impressionanti.
    Come se non bastasse e’ di questi giorni la notizia che una vera e propria barca di denaro investita nella fiction minoliana Agrodolce sarebbe stata spartita tra dirigenti e produttori, nella migliore delle ipotesi, quando non addirittura alle cosche mafiose siciliane che comandano nella regione in cui la fiction e’ stata girata.
    Si cominci col tagliare da li.
    Si cominci ridimensionando gli stipendi dei dirigenti pubblici, dei direttori, vicedirettori, dei programmi televisivi con share bassissimo ma dal costo esorbitante.

    Ecco adesso abbiamo tutti un motivo in piu’ per piangere.

    Michele

  23. Pingback: Mario, Elsa e quelle lacrime italiane | Reset Italia

  24. Pingback: La Ricostruzione. | Informare per Resistere

  25. Bene, bene, qualcuno comincia a diffidare delle lacrimucce.
    La nebbia si stà forse dissolvendo: il gioco di ruolo è iniziato con il dilemma del prigioniero, e subito si è trasformato in quello del pollo, Tassello fondamentale per capire gli attori principali, quello che succede nella cattolica Irlanda dove vengono tassate le famiglie numerose. Il videogame è internazionale nel più classico dei copioni: bene contro il male.
    Alle lacrime un matematico preferisce il conto della serva:
    in uno Stato dove ad una coppia con figli conviene fiscalmente una fittizia separazione legale ha probabilmente qualche NORma sbagliata.
    Chiaramente la posta in gioco è altissima e le strategie….. divertenti, hanno abbandonato la monotonia.
    Altri dettagli in FM…………………..:) 🙂 ;P

  26. ma come ? ma non siamo il paese che perdona tutto e tutti ? che si commuove ad ogni cagata e ora si da addosso alla ministra che a modo suo ha manifastato qualcosa che della manovra non era sopportabile neanche per lei? da buon perdonatori/bestemmiatori dovremmo dare ad ella almeno il beneficio della “buonafede”, o NO? se no ! ditemi perchè il baerlusca è stato votato e viene ancora rimpianto da almeno 174 degli italioti…perchè? EH?

  27. Se non modificano la norma che costringe anche i poveri cristi che percepiscono una pensione di poco superiore ai 500 euro ad aprire un conto corrente,la Fornero e li altri ministri piangeranno lacrime amare e nessuno si commuovera’

  28. Pingback: Exaps. Partidos políticos e Internet » Blog Archive » Lágrimas políticas

  29. Pingback: Mario, Elsa e quelle lacrime italiane

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...