Damiano, Vespa e il mistero del risparmio sulle pensioni.

(Nota: post aggiornato dopo la pubblicazione della puntata sul sito di Porta a Porta)

(Aggiornamento delle 12.47Premessa: rileggendo il post mi sono accorto di non aver ben contestualizzato la diatriba. In trasmissione si stava discutendo dell’opportunità di ulteriori interventi sul sistema pensionistico. Damiano si è opposto a un intervento deciso sostenendo che già con le modifiche apportate negli ultimi anni – compreso l’ultimo governo Berlusconi – si siano ottenuti risparmi in termini di diminuzione  della spesa pubblica dell’1,4% rispetto al Pil. Il grafico, in effetti, mostra una riduzione rispetto al regime in vigore prima del 2004 di una entità paragonabile (ma è di gran lunga più modesta se si considera il solo intervento del Berlusconi IV). Ma il problema è che Damiano stava cercando di opporsi a ulteriori interventi di riduzione decisa del livello di spesa attuale, a prescindere dal confronto con i risultati ottenuti rispetto ai passati regimi normativi. Livello su cui Vespa – e il sottoscritto – ha pensato fossero da valutare i dati forniti dall’ex ministro. La spesa, come si deduce dal grafico riportato nel post, resta a livelli doppi rispetto alla media Ocse anche dopo gli ultimi interventi del governo Berlusconi da poco sostituito da quello di Mario Monti. Vero dunque che si spende meno rispetto a prima, ma è altrettanto vero che si spende ancora troppo. I dati riportati da Damiano – tra l’altro in modo confuso, soprattutto dopo la precisazione di Vespa – non escludono affatto la necessità di intervenire nuovamente sul sistema pensionistico. Quella di Damiano, di conseguenza, più che una bugia sembra un cattivo argomento. Mi scuso per ogni eventuale aggiunta di confusione a confusione, ma credo che la complessità del tentativo di fact-checking che ho messo in atto dimostri una volta di più la necessità di citare dati con maggiore precisione all’interno dei dibattiti televisivi, specie su temi complessi e importanti come il sistema previdenziale.)

Durante Porta a Porta  del 29 novembre l’ex ministro del Lavoro Cesare Damiano, Pd, ha sostenuto (al minuto 12 nel video) che già con i provvedimenti presi dagli ultimi governi, compreso il Berlusconi IV, in tema di riforma del sistema pensionistico si ottiene «un risparmio dell’1,4% del Pil ogni anno da qui al 2040». Vespa non ci ha creduto, e gli ha ribattuto – foglietto fornito dall’ospite alla mano – che quei risparmi non si ottengono su base annua, ma «spalmati nell’arco dell’intero periodo 2015-2040». Del resto «sarebbero 20 miliardi l’anno», ha osservato Vespa, scettico. Damiano ha ribadito affermando l’affidabilità dei dati («1,4 punti percentuali annui»), peraltro prodotti dalla Ragioneria Generale dello Stato, e dunque dal ministero dell’Economia che fu di Tremonti. E, di conseguenza, del governo dell’altro ospite, Reguzzoni. Il leghista ha espresso gli stessi dubbi di Vespa, pur senza essere in grado di ribattere dati alla mano.

Più tardi il quadro si è infittito. Vespa (al minuto 68) ha ripreso il discorso per dire che nel frattempo aveva contattato via sms il presidente Inps Antonio Mastrapasqua. Che ha confermato la sua versione: «il risparmio è possibile, ma cumulato» e rispetto al 2050. Damiano non ha ceduto di un millimetro. Salvo poi aggiungere, durante il battibecco che si è prodotto: la percentuale dell’1,4% del Pil di risparmio è dovuto agli interventi «dal 2004». E dunque «dal 2004 a oggi c’è una curva che si abbassa mediamente di un punto virgola quattro all’anno». Incartandosi, e producendo a questo punto l’esito di una profonda confusione.

Ma chi aveva ragione?

Secondo le previsioni della Ragioneria Generale dello Stato aggiornate al 2011 (che suppongo siano quelle citate da Damiano, pur se non sono riuscito a trovare il passaggio esattamente menzionato in trasmissione – essere più precisi?), nessuno. Si legge infatti nel rapporto pubblicato sul sito del MEF, a pagina 46:

Dopo gli anni della recessione, il rapporto fra spesa pensionistica e PIL si attesta ad un livello pari a circa il 15,4%, nel quadriennio 2011‐2014. Dopodiché la curva flette per circa un decennio attestandosi al 15% nel 2026. Nei quindici anni successivi si apre una fase di crescita che porta il rapporto al suo punto di massimo, pari a circa il 15,5%, nel quadriennio 2040‐2043. Da qui in poi il rapporto spesa/PIL decresce rapidamente attestandosi al 14,7% nel 2050 ed al 13,4% nel 2060, con una decelerazione pressoché costante nell’intero periodo.

Tradotto in un grafico,

Come si vede, non c’è nessuna diminuzione di spesa nel periodo 2004-2011 (chiarificazione: non c’è nessuna diminuzione del livello attuale di spesa nel periodo 2004-2011), così come non c’è alcun risparmio dell’1,4% del Pil su base annua da oggi al 2040. Il che confuta le parole di Damiano. Che forse si riferiva alla differenza tra la spesa in percentuale del Pil con la normativa antecedente il 2004 e quella con la normativa vigente (chiarificazione: come spiegato nella premessa, un cattivo argomento per sostenere la non necessità di ulteriori interventi).

D’altro canto, un risparmio di quella entità non si produce nemmeno sull’intero periodo considerato. Il che confuta Vespa. Si passa infatti dal 15,4% del 2011-2014 al 14,7% del 2050, per una riduzione della spesa dello 0,7% del Pil, cioè la metà di quanto ipotizzato in studio (chiarificazione: si parla sempre dei livelli attuali di spesa, e non in rapporto alla normativa precedente). Pochi miliardi, dunque, e in quarant’anni, quando già oggi nel resto dei paesi dell’Ocse la spesa in pensioni si attesta in media intorno al 7% del Pil (fonte: Passerini e Marino, Senza pensioni, p. 18). Se il problema è ridurre la spesa pensionistica, in sostanza, c’è ancora tutto da fare. Ecco perché si parla tanto insistentemente di riforma delle pensioni, e nessuno prende sul serio l’idea di Damiano che il governo Berlusconi-Bossi l’abbia già realizzata in buona parte.

Advertisements

3 pensieri su “Damiano, Vespa e il mistero del risparmio sulle pensioni.

  1. Pingback: Damiano, Vespa e il mistero del risparmio sulle pensioni | agora-vox.bluhost.info

  2. Va bè, ma, anche se fosse tutto vero, a chi cazzo gliene frega del 2050? Una pernacchia era sufficiente come commento a una simile affermazione, quelli a cui importerà cosa succederà fra quarant’anni devono ancora nascere, a chiunque abbia almeno trent’anni del duemilacinquanta non gli importa una sega, si occupassero di sistemare le cose oggi, ‘sti barboni.

  3. Pingback: Damiano e le pensioni, i conti non tornano. « ilNichilista

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...