Lavorare 2.0 stanca.

Per lavoro frequento siti di informazione una dozzina di ore al giorno. Per passione altre tre o quattro. In totale fanno circa 15-16 ore passate sempre più spesso a navigare tra i social media, fonte primaria nel mio caso (e in molti altri) di notizie.

E’ un bel cambiamento, registrato peraltro in tutti i rapporti analitici dell’utilizzo di Internet: gli utenti trascorrono sempre più tempo sui social network (il 22,5% per l’esattezza secondo Nielsen, se si conta anche il tempo trascorso su blog). Ma sono quasi certo che per chi lavora nel mondo dell’informazione, le percentuali siano ben più elevate.

Ebbene, oggi in queste 15-16 ore è stato difficile, se non impossibile, non lasciarsi distrarre dalla marea di commenti per il caso Vasco-Nonciclopedia. Per la maggior parte, insulti, dileggi e apprezzamenti sprezzanti sull’ex rocker ormai ridotto all’ombra di se stesso. Qualcuno, come Alessandro Gilioli, ci ha intravisto l’unico vero lato degno di nota: una possibile esemplificazione della facilità con cui chi può permettersi un team di avvocati può indurre all’autocensura i gestori di un blog o di un sito. Ma per il resto si è trattato di un dibattito futile. E che tuttavia mi sono trovato a seguire, un po’ per pigrizia, un po’ per abitudine, un po’ per morbosità. E un po’ perché anche questo è il mio lavoro.

Altra notizia che ha monopolizzato l’attenzione in rete è stata l’assoluzione di Amanda Knox e Raffaele Sollecito nel caso Meredith. Anche qui, una notizia, certo. Ma amplificata all’inverosimile, con dirette tivù e prime pagine come queste

che non si vedevano dai tempi dell’uccisione di Osama Bin Laden. Insomma, anche in questo caso, impossibile non finire travolti dal flusso di informazioni e, in qualche misura, costretti a fruire dei contenuti offerti con tanta insistenza su quei temi.

Sarà stata la concomitanza di due notizie a cui non sono riuscito ad affezionarmi, ma oggi la sensazione di vuoto che mi hanno lasciato queste 15-16 ore di navigazione mi ha portato alla mente un meraviglioso post di Adrian Short in cui ci si chiede se a trasferirsi in modo così pervasivo nella rete 2.0 non si finisca per perdere quella libertà che solo un web «aperto» era in grado di assicurare. Percorsi individuali e diversi, dunque. Che di certo avvengono in ogni istante anche ora, ma che a volte non sono incentivati (anzi, molto probabilmente è vero il contrario) dall’architettura dello strumento che stiamo usando. Dai suoi cambiamenti recenti, portati alle estreme conseguenze dall’adozione di massa a Facebook e, per chi fa informazione, Twitter.

Mi è venuto in mente insomma tutto il discorso di Jaron Lanier sull’importanza della forma nella creazione del contenuto, del mantenimento della propria singolarità nelle forme e nei modi espressivi e dell’importanza che la rete sia strutturata in modo tale da favorirne lo sviluppo, piuttosto che indirizzare tutti gli utenti verso un canale che tende, nel peggiore dei casi (per esempio, la giornata odierna), a essere lo stesso per tutti. Una prospettiva non rassicurante per chi crea, ma nemmeno per chi fa informazione. Perché se è vero che le fonti si moltiplicano, rischiano di inaridirsi gli stimoli. E, di conseguenza, rischia che si riduca la varietà delle conversazioni.

Saranno state le due notizie che proprio non mi andavano a genio, ma forse oggi ho toccato per la prima volta con mano la sensazione che senza i social network avrei lavorato meglio. Ed è un pensiero che lascia una strana amarezza nella bocca.

4 pensieri su “Lavorare 2.0 stanca.

  1. ….ho letto con dedizione questo tuo post e….concordo a pieno…. tutto parola per parola sarà perchè passo milioni di ore a caccia di notizie per aggiornare i miei blog o quelli per cui presto “opera”….
    ma oggi ho avuto la tua medesima sensazione in +….condivido un pò di roba in bacheca e mi devo perdere gli occhi a leggere commenti di chi giudica vasco o non vasco e sopratutto pensa che uno scriva qualche post in materia perchè deve attakkare gli altri… insomma… alla fine…. le informazioni sono uguali, piatte, i commenti delle persone sono assurdi e tutti s ergono a giudice supremo…..:'( senza sapere manco quel che scrivono almeno il 99% di volte….

  2. La giusta prospettiva che questo post rappresenta mi convince sempre più che nel web attuale ci sia la necessità di canali sempre più settoriali, di mezzi di aggregazione dei contenuti sempre più mirati, di “guide” che possano fare ottenere una fruizione di contenuti sempre più al riparo dai “rumori” di fondo.
    In fin dei conti, chi sente queste urgenze forse non sente altro che l’urgenza di un moto “centripeto” nel proprio stile di navigazione, che sostituisca o perlomeno integri il più possibile il moto “centrifugo” che ti costringe a seguire determinati flussi di informazione “maggioritari”, alienandoti dal tuo focus, facendoti disperdere nell’entropia del sistema, dissolvendo capacità attentive per convogliarle verso il morboso, verso “l’irrilevante di massa” e verso l’overload informativo.
    Il centro ovviamente in questa ultima prospettiva è rappresentato dall’individuo, dalla singolarità del fare informazione e dalla singolarità del fruire informazione.

  3. Pingback: Perché difendo la protesta contro l’ammazzablog. « ilNichilista

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...