La rassegna stampa di domani è di ieri.

C’è un lungo elenco di articoli che, per quanto accaduto oggi, sarebbero legittimi se freschi di stampa, ma che non c’è bisogno di scrivere. Semplicemente perché sono già stati scritti. Per esempio:

  • Editoriale garantista sull’ennesima intercettazioni telefonica finita sui giornali, con conseguente riproposizione del teorema della persecuzione giudiziaria nei confronti del presidente del Consiglio
  • Editoriale giustizialista sull’ennesima frase impronunciabile da un presidente del Consiglio pronunciata dal nostro presidente del Consiglio
  • Nota politica sul fatto che la maggioranza, per quanto risicata, ancora esiste e dunque le ipotesi di fine anticipata della legislatura vanno respinte
  • Nota politica sul fatto che la maggioranza sopravvive solo grazie a Scilipoti (a cui peraltro ha dovuto dare un ‘contentino’ accettando un suo ordine del giorno) e che dunque bisogna mettere fine alla legislatura al più presto
  • Pezzo-denuncia sulle contraddizioni del governo, che aveva spergiurato di non ricorrere mai più a condoni e invece sta valutando l’ipotesi di un ulteriore condono
  • Pezzo polemico sulla mancanza di democrazia di chi va in piazza per invocare la democrazia e invece finisce per lanciare fumogeni, petardi e bombe carta contro le forze dell’ordine e il Parlamento
  • Pezzo polemico (ma cerchiobottista) sul politico attaccato da chi invoca la democrazia e sulla sua incapacità di sottrarsi al gioco degli insulti
  • Pezzo polemico (e basta) sugli insulti rivolti da un ex ministro a una semplice folla di manifestanti
  • Pezzo sulle divisioni nel Pd per le dichiarazioni di un suo dirigente che si scontrano con ‘la base’ e con suoi esponenti minori
  • Commento tra lo sprezzante e il sagace sulle contraddizioni e le spaccature della Lega 
  • Commento tra lo sprezzante e il sagace per l’ennesimo pacchetto di riforme definito «urgente» e poi rimandato a data da destinarsi
  • Editoriale sull’inutilità della manovra appena approvata
  • Editoriale sulla necessità del presidente del Consiglio di farsi da parte per rassicurare i mercati
  • Editoriale sulla necessità di indignarsi per la manovra appena approvata
  • Pezzo su qualche fenomeno legato all’indignazione o alla ‘Casta’ su Facebook

Insomma, buona parte del giornale di domani si può leggere tranquillamente nell’archivio di una qualunque rassegna stampa degli ultimi mesi.

Il problema è che non è un cerchio, ma una spirale.

2 pensieri su “La rassegna stampa di domani è di ieri.

  1. Pingback: Spettacoli / Andrea Ronchi, ex ministro: "Cialtroni di merda" ai manifestanti | News Spettacolo

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...