Perché è sbagliato politicizzare i referendum.

È  stato un errore politicizzare i referendum del 12 e 13 giugno. Il nucleare, l’acqua, l’uguaglianza di fronte alla legge sono questioni troppo importanti per diventare merce di scambio nella partita per la fine prematura dell’Esecutivo. Anche solo per il semplice motivo che un ‘sì’ o un ‘no’ a questi argomenti sopravviverà ben oltre questa classe dirigente. Sono scelte strategiche, che riguardano i nostri figli quanto noi. Per questo andrebbero prese con estrema oculatezza, e nel massimo della consapevolezza e della trasparenza.

Invece il governo ha fatto di tutto per non far svolgere i referendum sull’acqua e soprattutto sul nucleare, o farli svolgere nel massimo della confusione; il servizio pubblico ha iniziato a parlarne con un mese di ritardo e comunque poco e male; i giornali se ne sono accorti soltanto dopo il ballottaggio del 29 e 30 maggio (cioè a una dozzina di giorni dalla consultazione popolare) e quando se ne è iniziato a parlare davvero (cioè, per esempio, in prima serata ad Annozero), è diventato tutto spettacolo e scontro politico, coi tempi e i modi di Adriano Celentano e Daniela Santanchè più che della logica, del diritto e della scienza.

Dal 1995 i referendum abrogativi non ottengono il quorum, e negli ultimi vent’anni l’affluenza ai seggi è crollata dall’80 al 23%. Se chiamare i cittadini a esprimersi significa intrupparli dogmaticamente per il ‘sì’ o per il ‘no’ invece che farli ragionare con la propria testa; se è un modo per banalizzare questioni di capitale importanza e complessità; se diventa solo l’ennesima battaglia all’interno di uno scontro politico infinito invece di un’occasione per dialogare tutti insieme, come vorrebbe la democrazia «partecipata» che piace a tutti ma nessuno pratica, allora forse è meglio che l’istituto prosegua nel suo destino di oblio. Lasciandoci con un’arma in meno di fronte al dramma, vecchio come l’uomo, di doverci fidare della saggezza di pochi per non soccombere all’ignoranza di molti.

6 pensieri su “Perché è sbagliato politicizzare i referendum.

  1. Da una politica sudicia come la nostra, cosa potrebbe uscirne fuori se politicizzassero i referendum? Altro letame .. E poi, tutti i lor signori seduti in parlamento in realtà sono contro i referendum (sono a favore del nucleare, contro l’acqua pubblica e contro la legge che dovrebbe essere uguale per tutti).
    Andiamo a votare i referendum alla faccia loro, di tutti loro.
    Un saluto

  2. Pingback: Perché è sbagliato politicizzare i referendum. (via ilNichilista) « Just another holder

  3. ancora guardate annozero? La trasmissione più di parte che esista, sarebbe meno di parte dare un microfono a un qualsiasi politico e chiedergli di vantarsi

    • Ancora con ‘sta storia??? Maddai, se la merda puzza non puoi dire che non puzza per non essere di parte…prima la destra si libera di Silvio e dei suoi servi e puttane, e prima tornerà un normale confronto politico…

  4. Pingback: Perché è sbagliato politicizzare i referendum | T-Mag

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...