Se le bombe sono più clandestini.

Dell’ennesima zuffa interna alla maggioranza sulla politica estera resta, certo, la sensazione che qualcosa si sia effettivamente rotto nel rapporto tra Bossi e Berlusconi, così come nel partito di Bossi e in quello di Berlusconi. Ma non è questo a stupire: tra il Cavaliere e il senatur il sodalizio è stato da sempre tormentato. E questa maggioranza ha passato sostanzialmente l’intera legislatura a farsi la guerra. Ci sono, tuttavia, due motivi di stupore.

Il primo è che si continuino a prendere sul serio le minacce leghiste alla stabilità dell’Esecutivo. Eppure la saggezza popolare, in questi casi più che mai adeguata come strumento cognitivo, insegna che «can che abbaia non morde». Non senza una prospettiva di tornaconto politico, si deve aggiungere con un altrettanto adeguato cinismo. Se Fini ha rotto dopo mesi di schermaglie, insomma, è perché aveva in mente un progetto alternativo a quello che lo accomunava a Berlusconi. Lo stesso non si può dire della Lega: andando da sola si condannerebbe a un complicato equilibrismo che rischierebbe di emarginarla dalle stanze del potere; e che intenda traslocare nuovamente a sinistra sembra al momento, nonostante i tentativi di dialogo con il Pd sul federalismo, fantapolitica. Così abbaia, ma si guarda bene dal mordere. Ergo: tanto rumore per nulla. Un misto di campagna elettorale e preparazione al riassetto di entrambi i partiti che avrà luogo nel dopo-amministrative.

Il secondo motivo di stupore ha meno a che fare con le alchimie del Palazzo e più con la nostra società. Perché a stupire è il grado di indifferenza con cui è stato accolto l’argomento leghista, ribadito in prima pagina su La Padania di oggi, secondo cui «bombe uguale più clandestini». E cioè che l’intervento militare in Libia sia da condannare non per ragioni umanitarie, per una qualche variante dell’ideale pacifista o per chissà che calcolo strategico che restituisce, come risultato dei bombardamenti, più morti insensate e più instabilità nel Paese. Ma per il puro e semplice interesse di bottega di non vedere migliaia di disperati approdare alle nostre coste in cerca di aiuto. Non per la disperazione dei disperati (quelli bisogna «aiutarli a casa loro», qualunque cosa ciò significhi in un Paese in guerra), ma per quella dei padani costretti ad accoglierli. Proprio quando vorrebbero semplicemente mandarli «fuori dalle balle».

Questa indifferenza, dovuta forse all’assuefazione a vent’anni di leghismo, misura le difficoltà della nostra convivenza civile e della nostra democrazia ben più del rincorrersi delle dichiarazioni contraddittorie e improvvisate della maggioranza. Sempre che il leghismo non sia l’effetto, invece della causa, di quell’indifferenza. Allora allo stupore dovrebbe sostituirsi una forma particolarmente rassegnata di preoccupazione per ciò che ci attende.

Update. Passa un giorno e un altro argomento (ma la logica è la stessa) si fa strada:  


4 pensieri su “Se le bombe sono più clandestini.

  1. Non si devono bombardare i dittatori, si devono bombardare i migranti e i profughi sui barconi. I dittatori è meglio non disturbarli perchè possono reagire male e farcela pagare; i migranti se li bombardi affogano e così smettono di disturbarci. Vuoi mettere la convenienza? Questo a prescindere da ogni considerazione di carattere etico e in base al più elementare istinto dal “farsi i fatti propri” e solo quanto si ritiene sia il proprio tornaconto o “interesse” immediato. Se questi sono i frutti delle “radici cristiane” dei leghisti e dello sbandieramento di crocifissi….

  2. Questo è un sintomo dell’individualismo e dello sguardo volto solo a tornaconto economico a, tra gli altri fattori ci ha abituato il capitalismo sfrenato, la logica della prevaricazione dell’interesse privato sul pubnblico e una società che fonda tutta la sua etica e morale attorno all’ampiezza del portafogli (sia in negativo che in positivo, e anche io ne cado vittima in quanto sono perennemente scettico verso chiunque sia ben dotato di moneta. E so di sbagliare ma non riesco ad uscire da questo pregiudizio).

    La politica, quella vera, quella che si occupa anche delle questioni sociali oltre che di “amministrare il condominio” come dicono certi democrat nostrani, dovrebbe prendere per il collo questi fenomeni e correggerli a suon di ceffoni. Invece no, si lascia tutto correre, chi per interesse populista/demagocico (cioè la “codiddetta destra moderata” frutto di coalizione tra vaccari, cattolici e yuppies) chi per incapacità manifesta (l’opposizione parlamentare), e qualche piccola scheggia impazzita discordante tipo i radicali.

    Chi se ne chiama davvero, nel fenomeno politico, fuori da questa indifferenza sintomatica, anche se per ora solo a parole (mai dimenticare comunque, che l’azione nasce dalla riflessione e poi dal verbo, agire senza pensare ne discuterne prima è portatrice di errori nel 100% dei casi) è la sinistra radicale o estrema dir si voglia, composta di molte contraddizioni e fenomeni contrastanti ma che almeno su questi temi esprime unanime orrore.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...