La libertà della rete secondo Freedom House.

Freedom House ha pubblicato il rapporto Freedom on the Net 2011, che illustra lo stato della libertà di espressione in rete a livello globale. Le conclusioni non sono molto diverse da quelle ottenute da Reporters Without Borders nelle ultime due edizioni: «un crescente numero di governi si sta indirizzando verso la regolamentazione o la restrizione della libera circolazione dell’informazione in rete». Negli stati autoritari, che «stanno bloccando e filtrando in maniera crescente siti associati all’opposizione politica», «obbligando i proprietari di siti a rimuovere contenuti politicamente e socialmente controversi» e «arrestando blogger e utenti che postino informazioni contrarie al punto di vista del governo». Ma anche in paesi più democratici, dove «molestie legali, procedure censorie opache e  una maggiore sorveglianza» mettono sempre più a rischio la libera espressione.

Insomma, la tendenza è l’aumento del blocco di contenuti politici (in 15 paesi sui 37 esaminati), e in modo tutt’altro che trasparente; l’intensificazione di cyberattacchi contro i dissidenti; l’aumento dell’intervento statale per rallentare o bloccare l’accesso alla rete, specie nei momenti di sollevazione e rivolta politica.

Questa la mappa dei paesi coinvolti e il loro grado di libertà secondo l’indice di Freedom House:

L’Italia, come si vede, figura tra i paesi «liberi» (mentre è tra quelli «parzialmente liberi» nella classifica sulla libertà di stampa), anche se il suo risultato è il peggiore tra quelli dei paesi occidentali

e tra tutti i «paesi liberi» fa come il Sudafrica (26) e meglio del solo Brasile (29).

Ancora, sebbene nel nostro Paese molti dei progetti di legge più pericolosi per la libertà di espressione in rete risultino, alla fine del 2010, «abbandonati o accantonati», l’impero mediatico-televisivo di Silvio Berlusconi continua a rappresenta un incentivo alla restrizione della libera circolazione dell’informazione online. Anche se lo studio ammette che è proprio in rete che gli italiani possono trovare una pluralità di vedute e un grado di criticismo verso il governo che non è presente in tivù e sulla carta stampata.

Per il resto si parla del decreto Pisanu, del caso Vivi Down, del tentativo di equiparare il profilo di responsabilità di blog e testate professionali e del decreto Romani. Una situazione che restituisce la seguente tabella riassuntiva:

La parte sull’Italia [pdf]
Il documento integrale [pdf]

Advertisements

15 pensieri su “La libertà della rete secondo Freedom House.

  1. Si dovrebbe parlare anche delle azioni giudiziarie che coinvolgono siti e blog, dove per una virgola fuori posto “virtualmente”, cancellano l’intero sito/blog.

    Dove si abusano dei filtri contro vari siti, al di fuori della legge, basti pensare a the pirate bay. La cassazione ha dato in mano un potere enorme alle procure in questo senso.

  2. Pingback: Libertà della rete « TIRESIA

  3. Pingback: La libertà della rete secondo Freedom House | T-Mag

  4. Pingback: Libera rete in libero stato (si fa per dire)

  5. Pingback: Giornata mondiale della Libertà di stampa, vent’anni dopo la Dichiarazione di Windhoek | buonaguida.com

  6. Pingback: Giornata mondiale della Libertà di stampa, vent’anni dopo la Dichiarazione di Windhoek | Hellò Magazine

  7. Pingback: Giornata mondiale della Libertà di stampa, vent’anni dopo la Dichiarazione di Windhoek / LTDBOOKING.COM

  8. Pingback: Giornata mondiale della Libertà di stampa, vent’anni dopo la Dichiarazione di Windhoek | MyGossip-Blog

  9. Pingback: Giornata mondiale della Libertà di stampa, vent’anni dopo la Dichiarazione di Windhoek | MyMoto-blog

  10. Pingback: Giornata mondiale della Libertà di stampa, vent’anni dopo la Dichiarazione di Windhoek - SEXY BLOG

  11. Pingback: Giornata mondiale della Libertà di stampa, vent anni dopo la Dichiarazione di Windhoek | CorryL's Blog

  12. Pingback: Soldi Risparmiati | Giornata mondiale della Libertà di stampa, vent’anni dopo la Dichiarazione di Windhoek

  13. Pingback: Giornata mondiale della Libertà di stampa, vent’anni dopo la Dichiarazione di Windhoek

  14. Pingback: Giornata mondiale della Libertà di stampa, vent’anni dopo la Dichiarazione di Windhoek

  15. Pingback: Giornata mondiale della Libertà di stampa, vent’anni dopo la Dichiarazione di Windhoek | Indipedia – Indipendenti nella rete

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...