Il Giappone e L’Aquila.

Guido Bertolaso, capo della protezione civile durante il terremoto all’Aquila:

Enzo Boschi, presidente dell’istituto nazionale di Geofisica e vulcanologia:

Lo stesso Boschi aveva affermato ieri che «l’energia liberata dal sisma» in Giappone «è stata di circa 30.000 volte maggiore» rispetto a quello in Abruzzo.

Ora è tutto più chiaro.

Update: Anche Repubblica scrive che «l’energia sprigionata è stata trentamila volte maggiore rispetto a quella del terremoto dell’Aquila».

Annunci

16 pensieri su “Il Giappone e L’Aquila.

  1. conti back-of-the-envelope, dati di wikipedia alla mano e formuletta per comparare le intensità:
    http://en.wikipedia.org/wiki/Moment_magnitude_scale#Comparative_energy_released_by_two_earthquakes

    il terremoto giapponese è di scala 9.1, quello aquilano 6.3: 15800 volte tanto

    con la stima iniziale di 7.9 dell’ unitated states geological service
    http://en.wikipedia.org/wiki/2011_Sendai_earthquake_and_tsunami#cite_note-USGS1-18

    la cifra viene pari a “sole” 251 volte più forte

    e speriamo che l’esplosione di fukushima non abbia rilasciato troppe radiazioni… hanno evacuato 20km ed impediscono ai giornalisti di avvicinarsi a meno di 60km

  2. non ho capito se il post vuole sottolineare quanto sia stupido paragonare due fenomeni con la misura del “è mille mila milioni di volte più potente” (che serve giusto a far dire alla gente <>) o se vuole sottolineare la tendenza di sedicenti esperti, come l’esperto di niente Bertolaso, a sparare dati in modo esagerato e allarmistico. O se non ho capito proprio nulla io XD

  3. Le scale marcalli e richter sono misure logaritmiche. Dire 10, 15, 20 mila volte più forte è scala decimale.

    Sbagliare di un solo ordine di grandezza non è poi così grave in scala logaritmica. Secondo me tutti i dati riportati sono campatibili tra loro.

  4. Secondo me semplicemente caciottari come Bertolaso, la cui disonesta caratura di caciottaro venerabile, dovrebbero sparire senza lasciar traccia. Soprattutto con i processi gravissimi in cui è coinvolto direttamente e indirettamente, il silenzio radio totale fino a sentenze avvenute sarebbe consigliabile anche per una questione di semplice dignità. E’ un po come Mastella che viene ostinatamente invitato ad Omnibus a parlare di giustizia (!!!), scemi i conduttori ma anche lui potrebbe declinare l’invito. Per pubblico decoro.

  5. Ma perche’ anziche’ scrivere idiozie non usate il cervello e la matematica?
    Terremoto in Giappone: Magnitudo (NON scala richter!) 8.9
    L’Aquila: Magnitudo 6.3
    Dopo un semplice calcolo risulta che il terremoto giapponese ha avuto una potenza pari a 7943 volte quello giapponese

  6. qui ho letto un paio di cose inesatte tra i commenti.
    dal basso della mia preparazione vorrei correggere alcune cose un po fuori luogo lette qui.
    primo la scala richter al contrario di quella mercalli. misura la MAGNITUDO dei terremoti( la scala mercalli per chi non lo sapesse è scala empirica, si basa cioè su osservazione diretta, che può essere diversa anche a parità di energia liberata a seconda di dove si manifesta il terremoto: in una città o in una campagna) la magnitudo è l’energia liberata da un sisma, paragonata all’energia rilasciata dall’esplosione di una certa quantità di tritolo(magnitudo 1 =31 kg ti tnt;magnitudo 10= 1000 miliardi di tonnellate). la scala richter che si usa per quantificarla è scala logaritmica, artificio matematico per rappresentare in grafico grandi variazioni della quatità in analisi. un punto di differenza in scala logaritmica corrisponde in realtà ad umenti dell’ordine di grandezza in base mille. da 1 a 2 di magnitudo si passa dall’ ordine dei kg a quello delle tonnellate di tritolo.
    stessa cosa vale per i terremoti per l’aumento di un punto l’energia liberata aumenta per multipli di mille. quindi non sono assurdità quelle che dicono. il problema rimane il perchè le dicono..

    • La variazione di da uno a due si moltiplica 1 per 10 per la radice quadrata di 10. Quindi da 1 a 3 si moltiplica per 1,000 (10 per radice quadrata di 10 il tutto alla seconda che equivale a 10 elevato alla terza.

  7. che le intensità descritte attraverso scale logaritmiche abbiano le caratteristiche suddette risponde a verità matematica, non si può discuterne, nel senso che la matematica non è un parere, tuttavia quando questi luminari, Berti e Boschi et similari, dimenticano sempre di inserire il corollario dei loro teoremi. nella valutazione dei sismi occorre sempre prendere in considerazione il rischio, perchè questo è quello che è neccessario per una corretta pianificazione territoriale, un terremoto con magnitudo 10 in pieno oceano non ucciderebbe nessuno, o quasi, tuttavia un terremoto con magnitudo 6 ha fatto più di 300 vittime nell’aquilano, in sostanza una centrale nucleare in riva ai nostri mari non sarebbe possibile, non c’è spazio e soprattutto, escluse le 5 Terre, i nostri litorali sono quasi tutti sotto il livello del mare, basterebbe un canotto capottato per innescare un’onda anomala, soprattutto per la costa adriatica.

  8. Il nostro pianeta sta attraversando un’Era storica molto importante. E noi la stiamo vivendo in prima persona. Lo spostamento dei poli magnetici della Terra è rimasto un argomento taciuto all’opinione pubblica, un tema additato più come fantascientifico che come reale, una notizia su cui non attirare troppo l’attenzione, che non meritava troppo interesse se non da parte di scienziati ed amatori della materia geografica ed astronomica. E noi, plebe televisiva e compra-giornali, pur avendo sentito parlare od aver letto da qualche parte dei poli magnetici, abbiamo voltato pagina con un mah, sicuro ci avviserebbero, se fosse pericoloso, sentendoci più protetti dal progresso tecnologico che impauriti dalle profezie dei Maya, pensando che l’influenza astronomica sul magnetismo terrestre, lo spostamento dei poli, il cambio climatico, i grossi movimenti tettonici della Terra e le conseguenti catastrofi avvengano solo in film come 2012.
    E purtroppo è stato un errore.
    Continua la lettura qua: http://wp.me/p19KhY-hc

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...