Se questi sono liberali.

Ore 9.45. Sono al teatro Dal Verme. Dopo qualche minuto un ragazzo mi consegna un volantino. È di Qui Milano Libera. C’è una foto di Berlusconi. Titolo: «Scandalo, non gossip». Tempo qualche secondo e uno dei tanti anziani signori in coda per entrare all’evento organizzato da Giuliano Ferrara lo aggredisce, strappandogli il pacchetto di volantini dalle mani. Arriva un poliziotto, invita i litiganti alla calma (anche se in realtà di agitato c’è solo l’aggressore). Ma intanto allontana il ragazzo coi volantini e i suoi due o tre amici. Che si lamentano: «Non si può nemmeno più distribuire dei volantini?». Nessuno li ascolta. Spariscono, condotti lontano dalle forze dell’ordine. Tra gli insulti.

Poco dopo arriva Corrado Formigli di Annozero con la sua troupe. La presenza non è certo gradita. E così, tra chi sfoggia cartelli come «Di Pietro porco e maiale», con tanto di dito medio, e chi dà del delinquente a lui e ai magistrati di Milano, compare il ministro Ignazio La Russa. Formigli cerca di porgli una domanda. La Russa inizia a rispondere, ma a una domanda che si è fatto da solo. Alza la voce. Poi cambia idea, rivendica la libertà di non rispondere. Anzi, di rispondere quando per il pubblico di Annozero varrà la par condicio (come se lo stesse ascoltando e giudicando sempre, anche in quel momento). Infine prende a pedate il cronista dopo averne insultato la sorella.

Ore 13.20. L’incontro è appena terminato. Formigli ritrova La Russa all’uscita. Il ministro sembra molto più disteso: abbronzato, casual, chiacchiera un po’ con un ombrosissimo Filippo Facci, poi con una signora, poi prende sottobraccio il cronista di Annozero, dicendosi dispiaciuto per quanto accaduto in precedenza. Ma tutto intorno si forma un capannello di persone che bersagliano di insulti il giornalista. «Comunista bastardo», «vai a lavorare», «imbecille», «idiota». Con vette tragicomiche: «Fatelo condurre a Marrazzo, così diventa Anozero». Ah, questi antipuritani.

Nel mezzo tre ore in cui Iva Zanicchi si è guadagnata un posto d’onore nel gotha dei «liberali veri» d’Italia. Piero Ostellino ha detto di pensarla «come Immanuel Kant» e definito i suoi critici dei «censori da Repubblica giacobina». Assuntina Morresi ha ipotizzato sei mesi di seminari sulla Humanae Vitae (ah, l’agognata separazione di etica e politica) prima di potersi pronunciare a favore o contro una certa idea di dignità della donna. Il pubblico si è bruciato le mani applaudendo Daniela Santanchè, che ha «molestato» il Palazzo di giustizia di Milano. E Giuliano Ferrara ha appiccicato all’antiberlusconismo paragoni sul Terzo Reich, la Germania comunista e una pletora infinita di dittature e totalitarismi di un passato che, a sentire l’Elefantino, sta per ritornare presente.

Tutto nel nome del liberalismo. Da un lato, gli «intellettuali» che giocano a fare gli scanzonati, ma colti. In mutande, ma «di chiffon». Dall’altro, il loro pubblico. I primi a riempirsi la bocca di libertà, i secondi a dimostrare, una volta di più, quanto siano profonde, tristi e ipocrite le loro bugie.

Annunci

11 pensieri su “Se questi sono liberali.

  1. Pingback: Tweets that mention Se questi sono liberali. « ilNichilista -- Topsy.com

  2. “Il ministro […] prende sottobraccio il cronista di Annozero, dicendosi dispiaciuto per quanto accaduto in precedenza.”

    Fa sempre così: prima gli monta il sangue in testa e compie queste scelleratezze, poi si rende conto di quello che ha fatto e cerca di scusarsi.

    Antonio

  3. Pingback: Il legno storto di Ferrara « C'è solo la strada

  4. Pingback: Ministro La Russa:”Noo, con lei non parlo!” ma scalcio « Trasparente

  5. Bill O’Reilly, rivolto ad Assange: “You’re leaking crap – you’re dead!”
    Assange: “I thnk it’s you that’s leaking crap and is dead…”
    Assange preme un tasto sul telecomando e Bill O’Reilly strabuzza gli occhi e vomita qualcosa color marrone.
    Donald Rumsfeld: “What’s happening to his head ?”
    Assange: “He’s leaking every bit of crap he’s ever said.”

  6. Pingback: Ignazio, il mulo parlante. « Elenatorresani

  7. Mi son sempre considerato non violento, ho sempre cercato di capire le ragioni degli altri, il loro punto di vista, cercare di capire se ero io a sbagliare.

    Adesso con questi episodi mi sto ritrovando molto più incline a pensieri violenti.

    In un paese normale si sarebbe dimesso pure lui da un bel po’….

  8. Forse è il caso di rispolverare daverro la storia di David e Betsabea, perché il tipo che nemmeno nomino (poiché, come spesso accade con taluni in area PDL, o è ignorante come una capra, o è uno di quei mistificatori che, nell’antico testamento, di solito venivano puniti da punizioni divine, e non per modo di dire). David per avere Betsabea pianifico persinò l’omicidio del marito di lei,Uria. Si legga riguardo Samuele II, 11, 14-25: questo perché ai tempi era un po’ più difficile farsi leggi ad personam ed accalappiarsi le donne con cui si era commesso adulterio… E il tipo, ieri, questo l’ha taciuto. Forse per evitare di rovinarsi il parallelismo che si era preparato a casa, chissà.
    Ma mica finisce qui, eh! Perché Dio allora mandava i profeti, invece della Zanicchi, e a David manda Natan. Oh, questo ieri non l’hanno detto? chissà perché… forse perché Natan presenta il conto a David, Natan a David non gli dice “oh, e tutti si vuol trombare la moglie di qualcuno, c’è il peccato originale” e altre amenità che, letteralmente, pervertono il contenuto morale della bibbia. Ecco cosa dice Natan a David prima che il Re si prostri ai suoi piedi (oh, uno che non evita il giudizio!):
    Samuele II, 12,1-4:
    Il Signore mandò il profeta Natan a Davide e Natan andò da lui e gli disse: “Vi erano due uomini nella stessa città, uno ricco e l’altro povero. 2Il ricco aveva bestiame minuto e grosso in gran numero; 3ma il povero non aveva nulla, se non una sola pecorella piccina che egli aveva comprata e allevata; essa gli era cresciuta in casa insieme con i figli, mangiando il pane di lui, bevendo alla sua coppa e dormendo sul suo seno; era per lui come una figlia. 4Un ospite di passaggio arrivò dall’uomo ricco e questi, risparmiando di prendere dal suo bestiame minuto e grosso, per preparare una vivanda al viaggiatore che era capitato da lui portò via la pecora di quell’uomo povero e ne preparò una vivanda per l’ospite venuto da lui”. 5Allora l’ira di Davide si scatenò contro quell’uomo e disse a Natan: “Per la vita del Signore, chi ha fatto questo merita la morte. 6Pagherà quattro volte il valore della pecora, per aver fatto una tal cosa e non aver avuto pietà”. 7Allora Natan disse a Davide: “Tu sei quell’uomo! Così dice il Signore, Dio d’Israele: Io ti ho unto re d’Israele e ti ho liberato dalle mani di Saul, 8ti ho dato la casa del tuo padrone e ho messo nelle tue braccia le donne del tuo padrone, ti ho dato la casa di Israele e di Giuda e, se questo fosse troppo poco, io vi avrei aggiunto anche altro. 9Perché dunque hai disprezzato la parola del Signore, facendo ciò che è male ai suoi occhi? Tu hai colpito di spada Uria l’Hittita, hai preso in moglie la moglie sua e lo hai ucciso con la spada degli Ammoniti. 10Ebbene, la spada non si allontanerà mai dalla tua casa, poiché tu mi hai disprezzato e hai preso in moglie la moglie di Uria l’Hittita. 11Così dice il Signore: Ecco io sto per suscitare contro di te la sventura dalla tua stessa casa; prenderò le tue mogli sotto i tuoi occhi per darle a un tuo parente stretto, che si unirà a loro alla luce di questo sole; 12poiché tu l’hai fatto in segreto, ma io farò questo davanti a tutto Israele e alla luce del sole”.

    13Allora Davide disse a Natan: “Ho peccato contro il Signore!”. Natan rispose a Davide: “Il Signore ha perdonato il tuo peccato; tu non morirai. 14Tuttavia, poiché in questa cosa tu hai insultato il Signore (l’insulto sia sui nemici suoi), il figlio che ti è nato dovrà morire”. Natan tornò a casa.

    Ah, ecco perché non ha citato il passo! Forse il tipo non voleva tirare la gufata a Pier Silvio!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...