Peggio della guerra.

Da Peggio della guerra di Daniel Jonah Goldhagen:

«La nostra è stata un’epoca di eccidi di massa. Anzi, la strage e l’eliminazione di massa sono, si può dire, fra le caratteristiche che definiscono la nostra epoca. Tutti noi, di fronte a singole campagne eliminazionistiche come l’Olocausto o, più recentemente, i massacri in Ruanda e in Darfur, reagiamo con orrore. Ma l’immensità di quest’orrore viene in piena luce unicamente guardando agli eccidi e alle eliminazioni di massa del nostro tempo, o anche solo a quelli più recenti, nel loro insieme. Lo sterminio e l’eliminazione di massa non sono solo un problema specifico, che emerge con l’ultimo o il prossimo caso di carneficina o espulsione, di solito, per gli occidentali, in qualche luogo apparentemente remoto. Vanno letti come uno dei problemi politici più ricorrenti e pressanti della nostra epoca. Essi dovrebbero essere al centro dei dibattiti in materia di sicurezza alle Nazioni Unite e in altre sedi internazionali e nazionali deputate alla sicurezza, all’ordine internazionale e alla giustizia. Che non lo siano dimostra quanto la nostra immagine del secolo passato e di quello appena iniziato e il nostro modo di concepirli siano distorti» (p. 60).

«Peggio della guerra», dunque. Perché

«a partire dall’inizio del XX secolo esseri umani hanno assassinato in massa direttamente o tramite carestie, stando a una stima prudente, 127 milioni di persone, ma potrebbero averne assassinate fino a 175 milioni. Se ci atteniamo alla cifra più bassa, hanno ucciso più del doppio dei morti in guerra (61 milioni, di cui 42 milioni militari e 19 milioni civili). Se ci atteniamo alla più alta, ne hanno ucciso quasi il triplo. Qualunque ragionevole calcolo si faccia, l’assassinio e l’eliminazione di massa sono stati più letali della guerra» (p. 61).

Anche di questo dovremmo avere memoria.

3 pensieri su “Peggio della guerra.

  1. Gentile signor Chiusi, apprezzo il Suo blog, ma forse si poteva evitare di pubblicare, proprio il 27 gennaio e in nome della memoria, una foto in un certo senso fittizia. I sovietici ad Auschwitz scattarono foto costruite, probabilmente anche usando comparse.
    Come questa: è del tutto inverisimile che dei deportati veri (qui peraltro eccezionalmente ben nutriti) abbiano mai potuto camminare fra i due reticolati, in gruppo e in pieno giorno. Il corridoio serviva alla doppia recinzione, non al passaggio. Chiunque fosse riuscito a superare (come?) il primo reticolato elettrificato sarebbe stato abbattuto a fucilate da una torretta di guardia.
    La memoria si basa anche sulla cura nella documentazione.
    Grazie e saluti

  2. Pingback: [12] I migliori post… degli altri | Politica Italiana

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...