Il marocchino in galera per Yara? «Legalizziamo il lanciafiamme», «Io opterei per Mengele».

Non si fa in tempo a mettere in fila i costanti segnali di intolleranza provenienti dalla “Padania”, e a chiedersi se sia la politica o il “popolo del Nord” a spingere sempre un po’ più in là l’asticella, che la pagina Facebook dell’eurodeputato leghista Matteo Salvini suggerisce una possibile risposta:


C’è anche chi se la prende contro le posizioni troppo morbide assunte dalla Lega:


Spunta anche il padano-fascismo, la nostalgia del Ventennio in salsa leghista:

Voglio augurarmi Salvini trovi il tempo per una netta presa di distanza dalle posizioni razziste dei suoi fan. Per ora ha continuato a postare come nulla fosse. Forse gli sono sfuggite. O forse perché è proprio il razzismo, che gli chiedono.

Annunci

16 pensieri su “Il marocchino in galera per Yara? «Legalizziamo il lanciafiamme», «Io opterei per Mengele».

  1. tutto condivisibile, ma oscura i cognomi di questa gente, o c’è pure il rischio che questi ti querelino, e farsi querelare da gente che tira fuori scemenze di questo calibro non mi sembra opportuno. Giuseppe

  2. questi fenomeni sono la dimostrazione che entità come la Lega (e Berlusconi) andrebbero uccisi (ovviamente non fisicamente) nella culla, in culo al liberismo, che come valore assoluto poi non vale niente. Ok, si può avere fiducia nella civiltà e nell’intelligenza del popolo, ma vero è che quando un coacervo di sfollati mentali urla idiozie in tv e sui giornali sfruttando le corde sensibili della gente (ovvio che anche io quando vedo la notizia del marocchino che ha fatto i birilli coi ciclisti mi indigno, ma dico “che testa di cazzo” non “marocchino di merda”) questi andrebbero allontanati, presi a male parole, derisi e messi al bando dal resto della politica.

    Ma dal momento che il livello medio della politica italiana a volte riesce ad essere persino peggiore del tenore leghista, non so più cosa pensare.

  3. Si esagera come sempre e i politici della lega nord ci godono come matti quando succede qualcosa di grave in cui coinvolto è un extracomunitario. Ricordo di un tassista a milano deceduto per il pestaggio subìto ad opera di una coppia di italiani, ricordo che la mafia uccide ogni giorno da sempre … stiamo parlando di fenomeni italiani. come ancora il ragazzo che a roma ha sferrato un pugno a una donna rumena… poi deceduta. Purtroppo chi ha scritto quei commenti su fb e molti politici leghisti (e non solo, ahimè!) sono accecati da ideologie fantasma di una padania ricca che merita solo il meglio, che meriterebbe l’autonomia… ehhehehe si tratta di gente ignorante che nn sa quanto perderebbe dalla divisione dell’italia e dall’assenza nelle fabbriche italiane della manodopera straniera. Senza quest’ultima l’italia affosserebbe ancor più in uno stato di crisi. E non è che siamo messi bene al giorno d’oggi!
    Che stiano zitti invece di urlare in difesa della purezza della razza italiana, di urlare di caccia allo straniero. Lavorassero per un paese migliore, terra di confronto e non di scontro.
    L’immigrazione dovrebbe solo essere regolarizzata nel modo più efficiente ed efficace. Serve solo disciplinarla e non eliminarla!
    E’ solo l’ignoranza che vive nella mente del popolo della lega quando tirano fuori discorsi cosi estremisti che non hanno carica costruttiva.

  4. Pingback: La legge del leghista | Cronache dal nord Italia

  5. Pingback: Leghisti, schegge impazzite di un Nord Italia allo sfascio « Windows Phone 7, foto & tutto il resto

  6. Il quesito che hai posto con i tuoi ultimi due post è molto interessante e va aldilà del solito “leghisti m***a”: è la Lega che spinge i limiti della discussione “civile” su molti argomenti o è il “popolo padano” (anche se credo che molti italiani che non vivono nella cosiddetta Padania possano aver avuto le medesime reazioni di fronte a questi fatti) a farlo?
    Secondo me è un gioco al “rialzo” tra certi politici e molti cittadini, in cui i primi affermano una cosa grave, la smentiscono o, meglio ancora per loro, vengono costretti a farlo, suscitando così la “simpatia” e gli istinti bassi dei secondi, i quali richiedono sempre di più misure al limite dell’assurdo, inapplicabili nei fatti ma fattibili a parole. Si tratta di un circolo vizioso che alla lunga rischia di coinvolgere anche chi crede di esserne immune. Perchè, parafrasando Gaber, non bisogna temere il leghismo in sè, ma il leghismo in ognuno di noi.

  7. Pingback: Il marocchino in galera per Yara? «Legalizziamo il lanciafiamme», «Io opterei per Mengele». (via ilNichilista) « Buscador de luz

  8. Che gentaglia sti leghisti. Mi fanno veramente schifo. A parte che il marocchino pare che non centri niente. Ma mi chiedo una cosa. Per Dell’Utri , Berlusconi e tutta la cricca dicono che bisogna aspettare la sentenza definitiva prima di dire che uno è colpevole. Invece per il marocchino , che non è nemmeno colpevole , sono pronti subito ad imbracciare il lanciafiamme. Questa è tutta gente fuori di testa manipolata ad arte. Mi fanno quasi pena. Pensate se alla fine coprono che è stato un “padano”. Credete che si daranno fuoco da soli ?

  9. Pingback: rosso di sera… » Archive » I deficienti fuori dall’Italia

  10. Pingback: Sono Storie

  11. Pingback: Prima l’Arabia Saudita. « ilNichilista

  12. Pingback: Perché la Lega non condanna la violenza verbale leghista. « ilNichilista

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...