Le contraddizioni di Ruby (e di chi la racconta).

(Per Lettera43.it)

La vicenda della ragazza minorenne che avrebbe preso parte a feste nella residenza del presidente del Consiglio Silvio Berlusconi ad Arcore, e che ha dato luogo a un’indagine per sfruttamento della prostituzione, è sempre più ingarbugliata. A complicare la comprensione degli eventi, una premessa indispensabile per formulare in giudizio politico prima ancora che processuale, sono le contraddizioni, da più parti sottolineate, della stessa ragazza. Ma anche le ricostruzioni contrastanti dei giornali.

I dubbi riguardano praticamente tutto, a partire dal nome della protagonista. Chiamata Ruby R., Ruby H., Ruby Rubacuori, Ruby Rubabaci, Ruby Heyek, Rachida R. e Karima. Il padre, in ogni caso, di cognome farebbe Elmahroug. Anche i natali sono incerti: secondo molti è marocchina (il Tg1 lo ripete cinque volte nei tre minuti scarsi del servizio delle 20 del 29 ottobre), mentre secondo la ex convivente brasiliana le sarebbe stata presentata come «figlia di un egiziano e di una brasiliana». Per CanicattiWeb, che ne ha parlato a settembre 2009 in occasione dell’ottenimento della fascia di “Ragazza Capo Sant’Alessio”, la ragazza sarebbe egiziana. Proprio come vorrebbe chi, sostiene il quotidiano la Repubblica, aveva cercato di spacciarla per la nipote del presidente egiziano Hosni Mubarak. Notizia poi smentita dall’ambasciata egiziana.

La data di nascita è variabile tra il primo e l’11 di novembre. Meno dubbi sull’anno, che dovrebbe essere il 1992. Quanto a se stessa, Ruby dice di essere una ragazza seria, che sogna soltanto di «ottenere la cittadinanza italiana, di studiare e poi di diventare carabiniere». Curioso per una che dice di essersi nascosta a Genova «per sfuggire alla polizia». E ancora: Ruby sostiene di non voler «passare per una zoccola». Altro che escort. Eppure è difficile fugare gli equivoci facendosi immortalare in pose succinte di ogni tipo, con l’unica costante di essere più nudi che vestiti. Al punto di scatenare un dibattito sull’opportunità di pubblicare le foto, che sono comunque facilmente reperibili in rete. Nei suoi profili biografici, poi, si sprecano le illazioni su un passato da escort, prima in locali a Badolato, vicino a Catanzaro, e poi a Milano, come afferma la brasiliana con cui ha convissuto per una ventina di giorni tra maggio e giugno 2010, che rivela al Corriere: «Lei ha ammesso che si prostituiva».

Le infinite fughe tra comunità e servizi sociali confondono ulteriormente la vista. Per esempio, la ex amica e convivente, Katia Pasquino, intervistata da Gianluigi Nuzzi di Libero, dice di averla incontrata l’ultima volta al The Club, un celebre locale della movida milanese. Proprio quando, secondo i giornali, avrebbe dovuto essere «in una comunità protetta», addirittura in una «camera di sicurezza della questura», come ha scritto il 29 ottobre la Repubblica. Che però di Ruby dice anche che soldi «ne aveva sempre in tasca». E allora perché avrebbe dovuto derubarla? Mistero.

Il grosso delle contraddizioni, tuttavia, riguarda le sue visite ad Arcore. Che secondo Ruby ha frequentato una volta sola, in aperto contrasto con quanto rivelato dagli organi di stampa sul contenuto dei verbali stesi durante i ripetuti interrogatori con i pubblici ministeri milanesi. In questa seconda versione gli appuntamenti sarebbero stati tre. Totalmente divergente poi il racconto di quanto avvenuto in quelle circostanze. Ruby dice, in quell’unico incontro, di essere tornata a casa alle 23.30 e di essere stata in compagnia di una sola amica e del presidente del Consiglio. «Una serata normalissima, piacevole». Una cena, un po’ di musica ascoltata in compagnia e poi tutti sotto le (proprie) coperte. Ma secondo le indiscrezioni pubblicate negli scorsi giorni, Ruby sarebbe stata, al contrario, in compagnia di diverse altre ragazze, tra cui sarebbe stata l’unica vestita. Anche se solo di un due pezzi, e in una vasca idromassaggio col premier.

Giallo anche sulle modalità di ingresso a villa San Martino. Al Fatto Quotidiano Ruby dichiara: a portarmi ad Arcore «è stata una ragazza mia amica di cui non voglio fare il nome». Ieri, al contrario, si era letto che ci sarebbe arrivata a bordo dell’auto blu di Emilio Fede, con tanto di scorta di una gazzella dei carabinieri. E i regali di Berlusconi? Ruby sostiene di aver ricevuto 7 mila euro e una collana di Damiani. Invece Repubblica parla di vestiti Versace con cristalli Swarovski, orologi Rolex, una Audi R8 (a lei che non ha la patente) e addirittura promesse di un centro benessere tutto per sé. Per non parlare dei soldi, tanti soldi: 150 mila euro in tre mesi, secondo il quotidiano romano. Su questo anche i giornali si contraddicono: c’è chi, come il Fatto Quotidiano, limita la provvigione a un totale di 30 mila euro sborsati in contanti dal Cavaliere e chi, come il Corriere della sera, a 5 mila euro a incontro provenienti dal patrimonio personale di Berlusconi.

Poi c’è il caos affidamenti, che si vorrebbe ricondurre al consigliere regionale lombardo Nicole Minetti, con cui Ruby avrebbe vantato un rapporto di amicizia smentito da entrambe le dirette interessate. O a Lele e Diana Mora, la cui richiesta, in una versione, sarebbe stata ostacolata dal desiderio della madre della ragazza di riaverla con sé. Proprio mentre in un’altra versione, riportata dal Corriere della sera, di Gigliola Graziani, direttrice del Kinderheim di Sant’Ilario, a Genova, Ruby sarebbe scappata dalla famiglia residente nel messinese, composta da un padre che la picchiava e da una madre che non la voleva più vedere: «Non ne vogliamo sapere più niente», avrebbe detto, «scappa sempre, se sta a Milano tenetevela».

Per non parlare dei dettagli più folkloristici: la presenza di George Clooney ad Arcore, smentita ma avanzata da Repubblica, e l’ipotesi-tormentone del Bunga bunga, ridotta a barzelletta o al nome di un salotto.

Advertisements

4 pensieri su “Le contraddizioni di Ruby (e di chi la racconta).

  1. — ACHTUNG !!! — Ragazzi dall’estero fa ancora più impressione..

    Ascoltate con molta attenzione le parole e il modo in cui sono pronunciate! Si commentano da sole e soprattutto fanno Paura.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...