Repubblica, quell’appello è un segno di impotenza.

C’è da scommetterlo: l’appello di Repubblica per chiedere a Berlusconi di rinunciare a ogni sorta di scudo giudiziario sarà un successo. Già adesso, in meno di un’ora, ha raccolto duemila firme, e la diffusione “virale” dell’iniziativa ne consentirà il moltiplicarsi in un batter d’occhio. Del tutto condivisibile anche il merito della questione, a meno che non si voglia credere al teorema del complotto giudiziario ai danni del Premier. Io, mettendo in fila gli argomenti e l’evidenza, non posso che optare per un uso personale, e sempre più spregiudicato, delle Istituzioni da parte di Berlusconi. Come confessato dall’avvocato-deputato Ghedini, il Premier preferirebbe trovarsi in una situazione di “primus super pares”. Tradotto: “la legge è uguale per tutti, ma non necessariamente la sua applicazione“. Giusto quindi il richiamo di Repubblica all’articolo 3 della Costituzione.

Eppure qualcosa non mi convince. Prima di tutto, quale reale possibilità di successo ha una simile raccolta firme? E’ pensabile che qualcuno, a Repubblica, tra i suoi lettori o semplicemente tra chi sia d’accordo con l’appello, ipotizzi che Berlusconi rinunci davvero a chiedere per sé un lodo Alfano costituzionale, un altro “legittimo impedimento” o qualunque altra forma di scudo giudiziario, solo perché a chiederglielo sono le loro firme? L’idea su cui si regge l’iniziativa mi ricorda tristemente la prima frase dell’appello del No Berlusconi Day del 5 dicembre 2009: “A noi non interessa che accade se si dimette Berlusconi”: l’importante è che si dimetta. E perché dovrebbe? Perché glielo chiediamo noi, e siamo in tanti. Ebbene, questa idea è destinata a fallire. Come fallì allora, nonostante in Piazza ci fossero centinaia di migliaia di persone. Ammesso che qualcuno ci creda.

Che resta della raccolta firme, una volta tolta la realizzabilità dell’obiettivo che si pone? La provocazione. La conta. E il richiamo, diretto soprattutto all’opinione pubblica, che serve a tenere compatte le file di una opposizione litigiosa, incomprensibile, e che sembra incapace di ascoltare il suo elettorato. Un modo per sollevare il morale della truppa, distogliere magari l’attenzione da certe allucinazioni post-veltroniane, riportare la pressione sul Premier. Che tra case di Montecarlo, faide interne al Pd e all’Udc e deliri leghisti ha avuto vita relativamente facile, in questi ultimi tempi.

Una mossa comprensibile, dunque. Ma più adatta a un partito politico che a un quotidiano. Perché mentre il primo può arrogarsi il diritto, nei limiti della legge, di dire e fare qualunque cosa ritenga adatta a sconfiggere l’avversario politico (anche lanciare un appello in stile “vogliamo la pace nel mondo”), se a farlo è il secondo non resta che una spiacevole sensazione di frustrazione e impotenza. Paradossalmente, di resa.

Advertisements

9 pensieri su “Repubblica, quell’appello è un segno di impotenza.

  1. Se l’alternativa è non fare niente, viva gli appelli e le raccolte firme, male non fanno. E’ ovvio che nessuno crede che gli appelli cambino *realmente* qualcosa.

  2. 1) repubblica fa il “partito” perchè non c’è un partito di opposizione, purtroppo
    2) quindi viva Rep
    3) non è perchè una cosa è già stata detta e ridetta che si debba star zitti. In questo caso la si legittima. Se uno è un ladro, che fai, siccome l’hai già detto non lo dici più?
    4) immaginate l’informazione italiana senza Rep. Per 5 minuti. Da brividi o no?

  3. gierre… L’obiettivo di un appello dovrebbe essere insito nella richiesta stessa… se un appello diventa solo un modo per contarsi e tenera alta l’attenzione allora si sta usando uno strumento impropriamente con la consguenza che lo strumento stesso perde di valore. Che uno è un ladro lo può dire anche mille volte, ma con gli strumenti giusti. Relativamente au punti 1) e 2) se Rep fa il partito perchè non c’è opposizione allora facesse un’appello per svegliare l’opposizione… questo lo troverei utile e magari più ascoltato dell’appello in questione.

  4. Fare opposizione non è ciò che fa Repubblica.
    Repubblica fa solo informazione (abbastanza parziale, ma finché si tratta di informazione questo non è solo un relativismo).

    Firmare invece degli appelli inascoltati rende ridicoli e improduttivi i partecipanti: ridicoli, perché non ottenendo nulla con la firma, si diminuirà esponenzialmente il numero dei firmatarii e anche la credibilità dell’atto cui si è aderito; improduttivi, perché comprendendo il loro essere individui per nomina, ma senza alcuna valenza, la gente lentamente, semplicemente si lascia vivere e cessa di occuparsi dei problemi globali.
    Ed è questo che si sta facendo.
    Ogni giorno stanno accadendo delle aberranti manifestazioni sociali e tutte finiscono mediocremente, a volte senza nemmeno scatenare il putiferio che sarebbe d’uopo accadesse.
    I controllori, non temono i controllati, li paraculano. I controllati dal canto loro son sempre più disinformati, o menefreghisti o strafottenti o minimalisti.
    E’ evidente che si tratti di una generalizzazione e come al solito c’è sempre qualcosa che si perde nel farla. Ma questa Italia è senza futuro o senza un futuro degno.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...