Il “filtro anti-Dio” e il diritto di deridere.

Secondo il Corriere, “l’ultima follia corre sul Web”. Di che si tratta questa volta? Di un “filtro anti-Dio”, scaricabile dal sito Godblock.com e che, spiega Marco Ventura, “una volta installato, cercherà in ogni pagina internet che stai per aprire parole legate a testi sacri, fedi, culti, santi. Se la pagina è pulita, se non contiene Dio, essa ti si aprirà regolarmente. Se viceversa è “infettata” da Dio, sarà automaticamente bloccata“. O almeno così dovrebbe funzionare, dato che il filtro, nonostante se ne parli da un paio di mesi, non esiste. Provando a scaricarlo, infatti, si ottiene questo messaggio: “Siamo spiacenti, Godblock non è ancora pronto”.

Poco importa“, per il giornalista del Corriere: ciò che conta è l’idea su cui l’intera operazione si basa. E cioè “che la religione vada isolata, confinata. Che l’ignoranza di Dio faccia bene”. Insomma, non una separazione “tra chi crede e chi non crede”, ma “tra chi sa e chi non sa“. Conclusione? “Il filtro blocca-Dio offende chi crede” ma “soprattutto minaccia chi è convinto dell’importanza di studiare, capire, approfondire, criticare la religione”.

Può darsi. E quindi? Tralasciamo che il filtro al momento non sia che un’idea lanciata per infiammare “anime belle” come quella di Ventura. E che sia scaricabile da chi lo sceglie liberamente, e non imposto dallo Stato (immagino la replica: i bambini si troverebbero a subirlo. Ma allora non vale forse l’argomento della reciprocità? Non sono forse stati costretti, quei bambini, a subire gli insegnamenti cattolici, e a subire l’ignoranza di tutte le altre religioni nella loro formazione?). Ciò che realmente sorprende di una tale presa di posizione è altro. E’ singolare infatti che in via Solferino ci si stracci le vesti per un filtro ancora inesistente e si accettino supinamente proposte di legge (il D’Alia, il Lauro, lo stesso comma 29 del ddl intercettazioni) e leggi vere e proprie (i decreti Romani e Pisanu, ad esempio) che la libertà di “studiare, capire, approfondire, criticare” la limitano per davvero, e non solo in campo religioso. La libertà di espressione va difesa soltanto quando di mezzo ci sia la difesa di Dio? I credenti offesi quanto alla loro fede meritano più considerazione di quelli offesi perché rischiano di non potersi più esprimere liberamente, perché devono sottostare a lacci burocratici inediti per una democrazia occidentale per accedere a Internet da un luogo pubblico o aprire una WebTv?

Ecco, è questa capacità di indignarsi a intermittenza che offende. Non solo i credenti, ma chiunque eserciti il buonsenso. Certo, questo non significa che un filtro sia di per sé una bella cosa. Ma c’è una differenza sostanziale tra uno che si applica per scelta e uno che si è costretti ad applicare. Utilizzare Godblock o chi per lui ricadrebbe nella discrezionalità del genitore. Proprio come decidere se consentire al figlio di guardare un film col bollino rosso, o giocare a un videogame ritenuto “diseducativo”. E poi non dimentichiamo che in alcuni paesi l’integralismo religioso è realmente pericoloso. Anche quello cristiano, non solo quello di matrice islamica di cui sappiamo tutto. Si pensi al creazionismo dilagante, ad esempio, agli anti-abortisti che uccidono i medici abortisti, o a tutte quelle follie ben descritte nel documentario Religulous di Bill Maher. Forse contestualizzando si comprende un po’ più a fondo l’odio per il sacro – o per certe sue deviazioni – da parte di alcuni.

Più in generale, commenti come quello di Ventura sono una spia. Un segnale tra i tanti di un Paese incapace di distinguere le battaglie di civilità da ciò che andrebbe invece affrontato con distacco e una sana dose di ironia. In questi giorni ho guardato diversi spettacoli di Bill Hicks, il comico morto poco più che trentenne di cancro al pancreas dopo una vita di abusi. L’ho visto sul palco sostenere, con un sorriso beffardo sulle labbra, che la droga fa bene, deridere i non fumatori con una sigaretta accesa tra le dita, farsi beffe del moralismo ipocrita e delle contraddizioni di certo fondamentalismo religioso. Un cinismo disperato e splendido, un genio folgorante che oggi in Italia ci è negato, immersi come siamo nel perbenismo, nella logica del vietare tutto tranne ciò che ci è gentilmente concesso e del “chi dissente paga”.

Caro Ventura, anche di un bell’editoriale in difesa del nostro diritto di deridere ci sarebbe bisogno. Deridere tutto, anche il sacro. E’ un esercizio salutare, e aiuta a togliersi dagli occhi quell’impressione brutta di decadenza che ci resta, e non certo per colpa dell’ultima follia del Web, dopo aver letto pezzi come il suo. Troppo duro? Come dice Hicks, “Then forgive me“.

11 pensieri su “Il “filtro anti-Dio” e il diritto di deridere.

  1. “L’ultima follia” è che Ventura non sappia ben usare le metafore. “Anti-Dio” che lui usa all’inizio dell’articolo non è proprio quella adatta, come non lo è la pagina internet “infettata” da Dio.
    Per il resto il “then forgive me” di Hicks riassume tutto! 🙂

  2. D’accordo, ci deve essere il sacrosanto diritto di poter prendere per i fondelli tutto, ma quando dico tutto dico tutto, ergo: omosessuali, negri, ebrei, terroni, meticci, down, islam, paganesimo, politeismo, Italia, Tricolori, Resistenza, Costituzione, TUTTO, altrimenti trattasi della solita irriverenza radical-chic da 4 soldi.
    E difatti sparlare della Chiesa o del dio cristiano è divenuto un dovere morale, come è doveroso per i tempi moderni sparare addosso ad ogni patriota europeo, ma guai a toccare l’islam o il popolo eletto (da chi?) ebraico e tutti i miti sfornati dal modernismo.
    Questa è demo(no)crazia.

    Lombardia Libera

  3. @Paolo: una cosa è prendere in giro o per i fondelli un’idea o qualcuno, un’altra è la libertà di non essere indottrinati sin da piccoli da contenuti religiosi. E’ diverso! Mettere sullo stesso piano le CRITICHE alla religione e le “prese per i fondelli” ai negri, ebrei, terroni, meticci, down… non è per niente la stessa cosa!

  4. Solo un teologo,di quelli che conoscono le lingue semitiche antiche,che hanno studiato e decifrato le Sacre Scitture,che si sono portati sui posti delle origini per constatare la veridicità tramandata, avrebbe il diritto di contestare la Religione,se capace di presentare documenti validi.
    Io non mi permetto di contestare i teoremi dei grandi matematici,perchè sò di non esserne all’altezza.
    Molti al contrario si improvvisano teologi,contestando ciò che non conoscono,ma credono di capire e di poter giudicare.
    Il saggio cerca la verità,lo stolto cerca la giustificazione,per tacitare la sua coscienza,che spesso è superiore al suo intelletto.

  5. sono molto d’accordo con Paolo.. e comuqnue sempre meglio un indottinamento religioso che la feccia che ogni giorno bambini e ragazzi assorbono tramite televisione,giornali e internet..

  6. @ umberto: Vorrei sapere quali testi islamici ed ebraici hai studiato
    @ LadyLindy: Ogni indottrinamento è cultura,quindi ricchezza intellettuale.Nessuno ti ha mai costretta ad accettare o rifiutare ciò che hai appreso,non puoi quindi accusare nessuno.
    @ caterina: hai detto bene

  7. @ Alessio
    Hai dato del fesso ad oltre sei miliardi di credenti,che sono la regola umana,mentre chi non crede è l’eccezione che la conferma.Fra i credenti,nelle varie religioni, esistono fior di intellettuali e studiosi di ogni tipo di scienza,che possono dimostrarti che fesso sei tu,che senza aver studiato le varie religioni,ti credi di saperne abbastanza da poter sputar sentenze.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...