Risolto il “giallo” sulla frase di Vespa.

Risolto il “giallo” sulla frase di Vespa:

Falsa dunque la prima versione diffusa dalle agenzie (“Poco tempo fa, nel corso di un colloquio, Fini mi ha confidato: il mio obiettivo politico è logorare Berlusconi”). Imprecisa anche la smentita di Vespa, dato che lì si parla di “uno dei suoi più stretti collaboratori“, mentre l’audio dice di “un amico autorevole di Gianfranco Fini”.

Vero, non un grande scoop. Ma una bella svista. Perché tra le confidenze di “un amico autorevole” e quelle del diretto interessato ce ne passa (nonostante restino confidenze). E poi: tutti a gridare al “giallo”? Nessuno poteva fare una chiamata all’organizzazione di Cortina InConTra per verificare? O forse – ma è un pensiero sicuramente falso – faceva comodo si spargesse la diceria, anche solo per qualche ora, che Fini stesso avesse confidato a Vespa – che notoriamente sa tenere i segreti, almeno fino al prossimo libro promosso a reti unificate – che l’unico intento del suo dissenso politico era logorare Berlusconi?

Quanto al contenuto del messaggio, non resta che credere alla parola di Bruno Vespa. Del resto il conduttore di Porta a Porta, “da bravo cronista” (precisa Enrico Cisnetto), non poteva non riportare le “voci che circolavano”. Perché è questo che fanno i “bravi cronisti: riportare “voci che circolano”. Vero?

Annunci

3 pensieri su “Risolto il “giallo” sulla frase di Vespa.

  1. Sembra ( e lo è) che il “riportare le voci che circolano” sia una giustificazione bella e buona. Personalmente non mi piace vedere ingigantite delle simili sciocchezze, soprattutto da gente autorevole nel mondo del giornalismo. Capisco che non possa passare in sordina ma credo che un’attenzione così meticolosa a questo “giallo” sia addirittura controproducente. I lettori (forse) sono stanchi dei battibecchi infiniti. Trattazioni di temi più vicini alla gente creerebbero sicuramente un clima favorevole per il risveglio delle menti addormentate dalla tv.
    Però in Italia quel clima è ancora difficile da creare! 🙂

  2. Hai ragione. Infatti l’attenzione meticolosa va non tanto a questo “giallo” – che in realtà non esiste – quanto al suo significato. La strategia ormai è nota: si spara, si diffonde e poi si smentisce. Nel frattempo il messaggio (falso) arriva dove voleva arrivare. In questo particolare caso difficile capire dove stia la colpa: se quella di Vespa di parlare di una confidenza, se quella del cronista dell’Ansa che fa il clamoroso errore, se dei giornali a riportare entrambe le cose. Il tutto comunque sia fa molta tristezza.

  3. Vespa da tempo ha poco del cronista e tanto del cane da riporto (infatti riporta voci),Fini dal canto suo deve pure giustificare come un uomo della sua intelligenza (idee politiche a parte) abbia potuto coofondare un partito, più un carro di carnevale, che si sapeva già da subito di chi fosse e a cosa servisse.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...