Libero: “Bomba su Ahmadinejad. Purtroppo è salvo”.

Libero di oggi, pagina 19:

A prescindere dal giudizio su Ahmadinejad, è necessaria una riflessione sull’opportunità di liquidare con tanta leggerezza (“purtroppo è salvo”) una posizione tanto forte. Le domande sarebbero tante. Da un punto di vista umano: è lecito augurarsi la morte di un individuo, fosse anche un dittatore? E’ auspicabile favorire una simile soluzione in un Paese democratico? Strategico: e se un titolo simile creasse un incidente diplomatico con Teheran? Logico: perché Ahmadinejad “purtroppo è salvo” e altri dittatori o simil-dittatori meno invisi al governo e al Premier invece vengono trattati in tutt’altro modo, con la deferenza delle cerimonie ufficiali? Professionale: che fine ha fatto la differenza tra cronaca e commento? Perché inserire nel titolo un’idea non contenuta nel corpo di nessuno dei due pezzi sul tema messi in pagina? Comunicativo: è populismo o un giudizio analitico? E soprattutto: c’è ancora una differenza?

Poi mi ricordo che è Libero, e la domanda diventa solamente una: perché mi ostino a prenderlo sul serio?

Advertisements

4 pensieri su “Libero: “Bomba su Ahmadinejad. Purtroppo è salvo”.

  1. L’occhiello “Le autorità negano, quindi confermano” mi ricorda tanto un modo di fare molto in uso dalle nostre parti negli ultimi anni…

  2. Perché continuare a commentare Libero ? Per pietà verso le anime perse che ancora se lo bevono senza ironia, come fosse roba vera…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...