Valutiamo i primi due anni del governo.

Sono passati due anni dall’insediamento del Berlusconi IV. Per l’occasione il sito ufficiale del governo diffonde una “guida sintetica dei provvedimenti e delle iniziative realizzate […] a partire dall’8 maggio 2008″. “Le attività concretamente avviate dall’Esecutivo in questi due anni – si legge – discendono direttamente dal programma elettorale” e sono divise nelle seguenti categorie:

che effettivamente rispecchiano quelle del programma che portò la coalizione alla vittoria.

Valutare il grado di realtà di quanto affermato dal governo è un’impresa titanica per una persona sola. Per questo chiedo il vostro aiuto. Ciascuno nel proprio settore di competenza, ciascuno per la parte – piccola o grande – che è in grado di coprire. Valutiamo tutti insieme quanto di ciò che il governo scrive corrisponde o può corrispondere al vero e quanto, invece, alla realtà nemmeno si avvicina. Al primo punto della prima categoria, ad esempio, figura l’affermazione:

Sottolineo: risolta. Nessun amico campano ha di che ridire?

Facciamo quello che dovrebbe fare l’opposizione: proviamo a ribattere punto per punto. Chissà che non si scoprano i veri punti deboli dell’attività del governo. E, magari, che qualcosa di buono è stato fatto per davvero. L’obiettivo? Ottenere un contro-documento che separi propaganda e promesse dai fatti.

Dite la vostra come commento a questo post o mandando una mail a fabiochiusi@yahoo.it.

L’opposizione siamo noi.

[il documento del governo]

[il programma del PDL]

Annunci

21 pensieri su “Valutiamo i primi due anni del governo.

  1. 1-1 ) EMERGENZA rifiuti in Campania – SMALTIMENTO e tutela ambientale
    Risolta l… Mostra tutto’emergenza rifiuti con l’attivazione di termovalorizzatori, siti e aree per discariche e l’incremento della raccolta differenziata (Legge 123 del 2008) : (http://napoli.repubblica.it/dettaglio/procura/1626818) il termovalorizzatore di Acerra NON è in funzione. I siti per le discariche sono quelli già individuati dai precedenti governi statali e regionali, l’incremento della differenziata è pari a zero. L’unica cosa che è effettivamente aumentata è la spazzatura diretta in Germania! (http://article.wn.com/view/2010/04/26/treni_dei_rifiuti_scatta_linchiestacos_partito_il_boicottagg/)
    PS: Qui (http://www.emergenzarifiuticampania.it/erc/Acerra/AC_HomePage/AC_Osservatorio/ERC-ERC_Layout_locale-1199880667264_AC_ChiSiamo.htm) viene indicato il direttivo di gestione del termovalorizzatore. Tutti nomi indicati dalla protezione civile (http://www.protezionecivile.it/cms/attach/editor/s4.pdf) mah!!!! Vuoi mai che nasca una costola dell’indagine G8 anche in Campania??!

    • EMERGENZA RIFIUTI IN CAMPANIA – senza bisogno di citare fonti di provenienza di notizie che smentiscono il governo, basta farsi un giro per la periferia di Napoli e dintorni armati di macchina fotografica e dimostrare l’ennesima balla di questo governicchio

  2. Missione 1 – Rilanciare lo sviluppo: Sviluppo? Parola troppo generica. Se si sta parlando di quello economico, mi par che si sia fatto poco quanto nulla per rialzare le statistiche economiche italiane. Ma c’è la crisi, una scusa buona per tutto.

    Missione 2 – Sostenere i la famiglia, dare un futuro ai giovani: Ho 20 anni, entrambi i genitori che lavorano e son disoccupato. Desidero avviare un’attività, ma manca il denaro per farlo. Sovvenzioni pubbliche, neanche a parlarne. Mi toccherebbe uno di quei finanziamenti dissanguanti delle banche, ma la voglia di lavorare 15 anni per ripagare solo il prestito è una cosa che spaventa solo. La famiglia non evolve ne economicamente (Dio solo sa quanto tempo resterò a carico dei miei genitori), ne socialmente. Il Presidente del consiglio allevia le nostre sofferenze, quelle della famiglia italiana media, riempendo la tv di distrazioni.

    Missione 3 – Assicurare più sicurezza e giustizia: Di sicurezza abbiam visto le ronde e le manganellate assassine di membri delle forze dell’ordine esaltati. Di giustizia non ce n’è. Silvio solo è un gradino più in alto.

    Missione 4 – Modernizzare i servizi ai cittadini: Mi chiedo dove e come sia apparsa questa modernizzazione. Non s’è fatto anche qui nessun passo avanti.

    Missione 5 – Il Sud: Io sto al sud, in Puglia. E forse la Puglia è quella che ha meno subito le “angherie del nord”, grazie a quel che s’è dimostrato un buon Presidente della Regione Puglia, Nichi Vendola. Per il resto il SUd è ancora qui, sotto l’equatore italiano, a sguazzare tra mafia, rifiuti e grandi opere mai finite o mai iniziate.

    Missione 6 – Il federalismo: E’ solo ora, dopo anni di Governo che se ne sente parlare con convinzione. Responsabilizzare le regioni del Sud sarebbe anche cosa buona, se non fosse tutta una scusa denigratoria usata dal partito italiano meno italiano di tutti.

    Missione 7 – Un piano straordinario di finanza pubblica: Fallito miseramente il tentativo di far rientrare i capitali esteri sporchi, con una lotta all’evasione fiscale fatta a suon di colpi di cuscini, possiamo assistere al crollo della borsa che continua a trascinarsi giù tutti i lavoratori a partire dal basso.

    Questo è un quadro così, abbastanza veloce e sommario. Per qual che io posso vedere, con occhi da ventenne, sono stati due anni di dannazione.

  3. Dal Programma del PdL.
    Missione 1: Rlanciare lo Sviluppo – 2:Infrastrutture, nuove fonti di energia e telecomunicazioni.

    -Rifinanziare la “Legge Obiettivo” e le Grandi Opere, una promessa mantenuta sotyto un certo punto di vista.
    Dei soldi stanziati per la costruzione delle grandi opere, prendiamo in primis il Ponte4 sullo Stretto, non se ne vede più l’ombra. Eppure l’erogazione i dovrebbe essere stata.
    Alle grandi opere, vedesi Alta Velocità Ferroviaria, sono accompagnate dalle solite manifestazioni degli abitanti del luogo che si vedono passare accanto tali strutture, magari anche con il paesaggio rovinato.
    C’è da segnalare però anche una strumentalizzazione di tali proteste, spesso utilizzate a mio avviso come scusante per richiedere maggiori “indennizzi”. (Vuoi passar di qui? Sborsa di più e le acque si calmano.)

    -Come sopra, se tali opere non si iniziano a costruire, a lavorarci non ci andrà nessuno. Magari si, ci sono le aziende coinvolte, ma come abbiamo visto più volte, queste sono spesso alle stesse dipendenze di chi concede gli appalti, o di parenti, o di amici, o di amici di amici, o di amici di amici di amici… ecc.

    -Termovalizzatori? Abbiamo visto sorgere tali strutture e poi giacere spente o attive a metà. La raccolta differenziata spesso non è frutto della sensibilizzazione statale, ma di puro buonsenso della persona. Se, in luoghi ad alta concentrazione di rifiuti, si accompagnasse ad una ottimizzata azione di raccolta/smaltimento una complice migliore differenziazione da parte dei cittadini, il problema potrebbe essere maggiormente contenuto.

    -Se nel titolo della missione metti “Nuove Fonti di Energia”, non puoi assolutamente scrivere sotto questo la parola “nucleare”. Energia efficiente, ma rilascia scorie che andrebbero ad inquinare i nostri mari già disastrati. E se già con i normali rifiuti siamo vittime della “eco-mafia”, pensar di trovare interrati barili pieni di scorie radioattive per le vie di campagna è una cosa probabile.
    Tentar di rassicurare i cittadini utilizzando la Francia “senza incidenti” come punto di riferimento è il colmo. Se la gestione di tali strutture venisse effettuata “all’italiana” allora vedremo ben peggio degli incidenti che SI SONO VERIFICATI in Francia.

    -Eolico, biomasse, fotovoltaico sono termini utilizzati totalmente dalla scarsa opposizione al Governo, sono diventati invece bandiere di una vittoria di Nichi Vendola qui in Puglia. Proprio perché il governo rifuggiva da questi discorsi sul rinnovabile, s’è potuto usare questo come argomento scomodo da accompagnare a una vittoria della sinistra.

    -Nelle telecomunicazioni, informatica in primis, abbiamo visto solo il cappio che si stringeva attorno alla libertà d’espressione. Come invece, nelle comunicazioni telefoniche, abbiamo visto l’impedimento e/o limitazione di intercettazioni. Quindi nessun rinnovamento, ma solo passi indietro per retrocedere in un mondo peggiore.

    -Il totale passaggio al Digitale, tanto blaterato, non è ancora avvenuto. In più, quasi non bastasse il ritardo, abbiamo visto quanto questa tecnologia sia arretrata dati i problemi iniziali. E pensar che in tutto questo tempo a studiarla, sommando il tempo di ritardo, si sarebbe potuto aggiustare quel guasto che la rende, tanto per cambiare, obsoleta.

    Alcuni punti, su cui son poco informato, ho preferito saltarli. Sia mai mettessi bocca in quel che non capisco. Mica sono un Ministro io.

  4. ciao, riguardo a tutto quello che questo governo ha fatto e il loro programma scritto…. grandi promesse come una vera telvendita!!!! poi il bidone!!!!
    In tutta Italia, disastri troppo grossi per gente, troppo avida,egoista,mafiosa, corrotta etc…..
    ATTENZIONE!!!
    per non parlare di lavoro,
    nessuna profesionalità, meritocrazia, talento ed aiuti per far iniziare….
    io ero un giovane quasi 15 anni fà, sono rimasto tale, pur una grande crescita, evoluzione ed esperienza personale nel campo della fotografia prof., meno male che si viaggia e si lavora fuori….
    leggevo il commento di un ragazzo di 2o anni..drammatico ma vero
    inoltre essendo italo-greco, capisco e vedevo molto bene il loro errore, volevano fare come noi e con l economia che si ritrovavano è normale che sia finito tutto, non dovrebbe mancare molto anche per noi….
    ringrazio per lo sfogo, ma rimarra’ solo chi veramente lavorerà con passione , amore per quello che si fà e senza mai mollare !!!!!!
    facciamoli divertire ,spendere e comprare cose inutili …tanto nella vita , chi sbaglia paga al di là della politica e delle ideologie…….

  5. MANDIAMOLI A CASA ORA !!!! IO VOGLIO COMBATTERE !!!
    INIZIAMO DA PARENTI E AMICI INCOPETENTI…….. NELLE EDITORIA ITALIANA , LA MAFIA REGNA SIA DI DESTRA CHE DI DI SINISTRA, MANDIAMO A CASA TUTTI QUESTI VECCHI\E RINCOGLIONITI…ORMAI FINTI MILIARDARI
    A CASA TUTTI QUEI GIOVANI CHE SI PENSANO DI ESSERE GRANDI SENZA AVER FATTO UN CAZZO DI GAVETTA, MA UNA SCUOLA CHE HANNO PAGATO FIOR DI SOLDI PER NIENTE, BASTA ANCHE CON LA MAFIA GAY, BASTA CON FINTI TALENTI DI MUSICA,ARTE,GIORNALISMO,BALLO, TEATRO, CINEMA,
    PENSO CHE ORMAI SI SALVEREBBE MOLTO POCO, VISTO CHE I GRANDI STANNO MORENDO TUTTI PIAN PIANO…NON FACCIAMO SALIRE COGLIONI AL POTERE DELL ARTE, COME è SUCCESSO NELLA LAVORO,NELLA POLITICA,NEL GIORNALISMO….NEI COMUNI, NELLE REGIONI etcccc….
    lasciamo libera la creativa alle sue origini, grezza come nasce, porterà sicuramnete qualcosa di nuovo
    L’italia ha bisogno di cultura mentale, far crescere le teste non rincoglionirle in quella scatola maledetta….

  6. non era esplicito ma il punto 7 ha avuto conseguenze devastanti, parlo de

    Legge 6 agosto 2008, n. 133
    “Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112, recante disposizioni urgenti per lo sviluppo economico, la semplificazione, la competitività, la stabilizzazione della finanza pubblica e la perequazione tributaria”

    conseguenze: distruzione scuola pubblica, universita’, sanita’ , privatizzazione dell’acqua e sono solo alcuni punti.

    tanto per fare qualche numero: per la scuola significa oltre 120mila persone (tra tecnici e docenti) lasciate a casa senza lavoro. e presidi che cosstretti a fare la colletta fra i genitori per comprare la cartaigenica.

    ovviamente assunzioni bloccate e nessun turn over nel settore ricerca universitaria penalizzano fortemente la Missione 1 Rilanciare lo Sviluppo

  7. per la precisione il fatto che i presidi delle scuole non abbiano i soldi per le attrezzature, per fare i corsi di recupero e altro
    contradice il seguente punto

    ISTITUZIONI SCOLASTICHE: incrementato il Fondo
    Incrementato di 200 milioni di euro per il 2008 il Fondo per il funzionamento delle istituzioni scolastiche (Legge 133 del 2008)

    della Missione 4.

  8. 1-2) DETASSAZIONE dei salari di produttività
    Dal 1º luglio al 31 dicembre 2008 (in via sperimentale) straordinario, premi e incentivi dei dipendenti privati sono tassati del 10% (Legge 126 del 2008)
    Prorogata per il 2009 la detassazione dei salari di produttività (premi e incentivi) del settore privato (Legge 2 del 2009)

    – Partiamo dalla copertura finanziaria di queste 2 leggi.. come si evince dagli allegati delle leggi citate, anzi al corrispondente decreto legge (http://www.normattiva.it/dispatcher?service=213&datagu=2008-05-28&annoatto=2008&numeroatto=93&task=ricercaatti&elementiperpagina=50&redaz=008G0117&aggatto=si&&afterrif=yes&newsearch=1&fromurn=yes&paginadamostrare=1&tmstp=1273694432156) essa viene fornita da 3 leggi (Legge 24 dicembre 2007, n. 244
    “Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato ( legge finanziaria 2008 )”
    – Decreto Legge 31 dicembre 2007, n. 248
    “Proroga di termini previsti da disposizioni legislative e disposizioni urgenti in materia finanziaria”
    – Legge 27 dicembre 2006, n. 296
    “Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato ( legge finanziaria 2007 )”
    ) che altro non sono le 2 leggi finanziarie fatte dal precedente governo Prodi… quindi questi s’ingrassano con i soldi risparmiati dal loro predecessore.

    Dopo il primo articolo di detta legge prevede l’abolizione dell’ICI sulla prima casa (và detto che già Prodi aveva applicato uno sconto del 60%) con le conseguenze che tutti conosciamo sui bilanci comunali.

    Art. 2 Misure sperimentali per l’incremento della produttivita’ del lavoro = piccoli ritocchi comunque sperimentali limitati fino al 31/12/2008 non prorogati riguardanti la minore tassazione dei premi di produttività e/o straordinari… norma essenziale in periodo di recessione come questo!!!!!!

    Art. 3 Rinegoziazione mutui per la prima casa = L’aveva già fatto Bersani con Prodi (chi si ricorda la battaglia per il mutuo al 5%????)

    Art. 4 Sviluppo dei servizi di trasporto aereo = Sovvenzionameto di stato ad Alitalia ed Airone (non basterebbe l’intero Facebook per commentarlo)

    Ecco … lascio al lettore una valutazione complessiva 😦

  9. 1-3) SETTORI petrolifero e del gas
    Prevista una addizionale di 5,5 punti all’imposta sul reddito delle società che hanno conseguito ricavi superiori a 25 milioni di euro (Legge 133 del 2008)

    La legge 133/2008 altro non è che l’attuattiva del D.L. 112/25/06/08 che comprende norme alquanto discutibili:

    – Art. 2 comma 14 = Salve le disposizioni di cui agli articoli 90 e 91 del decreto
    legislativo 1° agosto 2003, n. 259, i soggetti pubblici non possono
    opporsi alla installazione nella loro proprieta’ di reti e impianti
    interrati di comunicazione elettronica in fibra ottica, ad eccezione
    del caso che si tratti di beni facenti parte del patrimonio
    indisponibile dello Stato, delle province e dei comuni e che tale
    attivita’ possa arrecare concreta turbativa al pubblico servizio.
    L’occupazione e l’utilizzo del suolo pubblico per i fini di cui alla
    presente norma non necessitano di autonomo titolo abilitativo.

    — Fantastico regalo alle Telecom in quanto libere di fare come vogliono su tutto il territorio italiano, ed infatti comma cassato dalla Corte Costituzionale: La Corte Costituzionale con sentenza del 25 – 28 gennaio 2010 n. 20
    (in s.s. relativa alla G.U. 3/2/2010 n. 5) ha dichiarato
    “l’illegittimita’ costituzionale dell’art. 2, comma 14, del
    decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112 (Disposizioni urgenti per lo
    sviluppo economico, la semplificazione, la competitivita’, la
    stabilizzazione della finanza pubblica e la perequazione tributaria),
    convertito, con modificazioni, dalla legge 6 agosto 2008, n. 133,
    nella parte in cui non include i beni facenti parte del patrimonio
    indisponibile delle Regioni tra i beni la cui titolarita’ legittima
    l’opposizione alla installazione di reti e impianti interrati di
    comunicazione elettronica in fibra ottica, ove tale attività possa arrecare concreta turbativa al pubblico servizio”.

    – Art. 6-ter viene (ri)costituita la Cassa (pardon Banca) del Mezzogiorno.

    – Art. 7 = Entro sei mesi dalla data di entrata in vigore del presente decreto, il Consiglio dei Ministri, su proposta del Ministro dello sviluppo economico, definisce la “Strategia energetica nazionale”…. e qui ri-comincia l’avventura NUCLEARE italiana… 😦

    – Art. 8 = Dichiarato in parte illegittimo sempre dalla corte costituzionale… prevedeva deroghe e/o favoritismi per lo sfruttamento di giacimenti di idrocarburi

    – Art. 11 = Piano Casa … ancora latitante a livello regionale in quasi tutta Italia.

    – Art. 12 = Abrogazione della revoca delle concessioni TAV
    (il titolo è tutto un programma) i rapporti convenzionali stipulati da TAV S.p.A.
    con i contraenti generali in data 15 ottobre 1991 ed in data 16
    marzo 1992 continuano senza soluzione di continuita’, con RFI

    – Art. 14 = Expo Milano 2015 (prossimo obbiettivo della protezione civile???)

    – Art. 16 = Facolta’ di trasformazione in fondazioni delle universita’ (così restano svincolate dal controllo finanziario PUBBLICO)

    – Art. 17 = dal 1° luglio 2008 la Fondazione IRI e’ soppressa. (dispetto postumo a Prodi…) Con decreto del Ministro dell’economia e delle finanze e’ disposta l’attribuzione del patrimonio storico e documentale della Fondazione IRI ad una societa’ totalitariamente controllata dallo Stato che ne curera’ la conservazione.

    – Art. 18 = Reclutamento del personale delle societa’ pubbliche = totale autonomia di assunzione (e quindi di scambio favori) da parte degli enti / società pubbliche.

    – Art. 19 = Abolizione dei limiti al cumulo tra pensione e redditi di lavoro = alla faccia di Brunetta.

    – Art. 24 = Taglialeggi = la fiaccolata di Calderoli, come fosse bravo chi abroga più leggi… non chi abroga solo quelle ingiuste. Insomma un tanto al Kg.

    – Art. 26 = Tagliaenti con preciso riferimento agli enti la
    cui funzione consiste nella conservazione e nella rasmissione dellamemoria della Resistenza e delle deportazioni… alla faccia dei Partigiani.

    – Art. 27 = riduce del 50% la spesa per la stampa delle relazioni delle pubbliche amministrazione… cavolo è la loro pubblicità sul loro operato…. 🙂

    – Art. 28 = istituzione dell’ISPRA = devo indagare su questa!!!

    – Art. 38 = impresa in 1 giorno = fantascienza!!!

    – Art. 42 = commi che prevedono pene e sanzione per chi pubblica con qualsiasi mezzo le dichiarazioni dei redditi dei cittadini italiani nonostante siano documenti pubblici consultabili da chiunque.

    – Art. 45 = Soppressione del Servizio consultivo ed ispettivo tributario (ovvio così il controllo è accentrato al ministero)

    – Art. 52 = Misure urgenti per il contenimento delle spese di giustizia (tagli settore giustizia)

    – Art. 61 = Ulteriori misure di riduzione della spesa ed abolizione della quota di partecipazione al costo per le prestazioni di assistenza specialistica (tagli sanità)

    – Art. 62 = legifera sull’uso dei derivati da parte degli enti pubblici … da vedere meglio!!!

    – ART. 81 ….. FINALMENTE L’ADDIZIONALE DEL 6,5% per i soggetti che abbiano conseguito nel periodo di imposta precedente un volume di ricavi superiore a 25 milioni di euro e che operano nei settori: ricerca e coltivazione idrocarburi, raffinazione petrolio, produzione energia…. TANTO DOPO LI PAGHIAMO NOI CON CONGRUI AUMENTI IN BOLLETTA ALLA FACCIA CHE NON AUMENTANO LE TASSE!!!!

    Sempre al lettore l’ardua sentenza nel giudicare il “GOVERNO DEL FARE” 😦

  10. ISPRA = L’Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale, ISPRA, è stato istituito con la legge 133/2008 di conversione, con modificazioni, del Decreto Legge 25 giugno 2008, n. 112.

    Con Decreto n. 214 del 23 luglio 2008, il Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, On. Stefania Prestigiacomo ha nominato il prefetto Vincenzo Grimaldi, Commissario dell’ISPRA, affiancato dai Sub Commissari Stefano Laporta ed Emilio Santori.

    Prefetto Vincezo Grimaldi (sembra avere ottime referenze: http://www.apat.gov.it/site/_files/grimaldi_curriculum.pdf — anche se la fonte è il governo stesso: http://www.anticorruzione.it/)

    Una delle principali attività di questo ente è il RAPPORTO RIFIUTI.

    MA… C’E’ SEMPRE UN MA!

    Arrivano il Rapporto Rifiuti 2009 e il VI Rapporto sulla Qualità dell’ambiente urbano, che verranno presentati dall’ISPRA – Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale il prossimo 28 e 29 aprile 2010. (http://www.9online.it/blog_emergenzarifiuti/2010/04/27/ispra-rapporti-rifiuti-2010-e-qualita-ambiente/)

    ed invece…. :ll Rapporto rifiuti, forse il più importante dei compiti istituzionali riservati all’Ispra (Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale), ente vigilato dal ministero dell’Ambiente e attualmente commissariato, è scomparso nel nulla. O, meglio, giace nei cassetti del ministro Prestigiacomo e dei vertici dell’Istituto. ( http://www.9online.it/blog_emergenzarifiuti/2010/04/01/rapporto-rifiuti-dellispra-il-mistero-del-dossier-scomparso/).

    Rifiuti, l’analisi della Prestigiacomo: “Colpa delle Regioni” = per chi vuole approffondire (http://www.9online.it/blog_emergenzarifiuti/2010/04/15/rifiuti-lanalisi-della-prestigiacomo-colpa-delle-regioni/)

  11. Si ma come si fa a comentare/discutere affermazioni come questa:

    INTERCETTAZIONI TELEFONICHE
    Approvato un disegno di legge a tutela del diritto alla riservatezza e alla privacy e per ridimensionare gli oneri di spesa.

    Dietro questa frase c’è un mondo… non dico di cosa per rispetto altrui 😉

  12. Pingback: Links for 13/05/2010 | Giordani.org

  13. segnalo questa petizione on line del sindaco di Camigliano http://www.petizionionline.it/petizione/obiezione-di-coscienza-a-camigliano-ce/1295

    in cui si evidenzia come i provvedimenti del governo in materia di emergenza rifiuti in campagna di fatto osteggino, anzi reprimano, le buone pratiche dei pochi comuni virtuosi,

    si riferisce alla legge 26 del 2010 che nel documento di sintesi del governo si trova in

    …Ulteriori disposizioni approvate
    paragrafo “PROTEZIONE CIVILE ”
    nei punti
    # Istituite, per l’emergenza rifiuti in Campania, l’Unità stralcio e l’Unità operativa per definire situazioni creditorie e debitorie e per vigilare sugli impianti e sul termovalorizzatore di Acerra, che può essere ceduto ad altro ente pubblico e fino ad allora la Protezione civile può darlo in affitto per massimo 15 anni (legge 26 del 2010)

    # I Comuni in via di urgenza possono affidare a privati il servizio di raccolta, spazzamento e trasporto rifiuti o prorogare per un anno i contratti esistenti, con l’abbattimento del 3% dei costi (esclusi i comuni delle isole del Golfo di Napoli) (legge 26 del 2010)

  14. Pingback: Valutiamo i primi due anni del governo. « LA CONOSCENZA RENDE LIBERI

  15. Pingback: Valutiamo i primi due anni del governo « Blog del circolo online del PD “Barack Obama”

  16. punto 4. prima per inviare una comunicazione a un ente che tentava di fregarmi dovevo pagare il pizzo allo stato (raccomandata)

    Ora ho aperto una casella di posta elettronica certificata che non posso usare perchè non è valida come raccomandata… per mandare le raccomandate (telecom enel pizzocalabro spa) continuo a pagare il pizzo… ma almeno la pec inutile è gratis…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...