Sul caso Bondi al Tg1 continua la scomparsa delle notizie.

Tg1 di oggi, edizione delle 13:30. Si parla della scarcerazione di Diego Anemone e Mauro Della Giovanpaola. In un servizio della durata complessiva di 28 secondi viene infilata anche la notizia riguardante il ministro della Cultura Sandro Bondi. A questo modo:

Il ministro della cultura Bondi ha replicato (1) alle indiscrezioni (2) comparse sui quotidiani relative ad appalti per alcuni musei (3). “E’ stata ferita la mia onorabilità – ha detto – non ho nulla a che fare con faccende e faccendieri” (4).

In tutto 13 secondi. Ho costruito una breve legenda per fare maggiore chiarezza su questo ennesimo caso di disinformazione del Tg1.

Legenda:

(1) Replicato: non si capisce come si possa replicare a una notizia che non è stata data. O meglio, che viene data in modo inesatto e incompleto solamente per mettere in evidenza la replica (anch’essa data in modo incompleto).

(2) Indiscrezioni: in realtà si tratta di una relazione dei Carabinieri e depositata alla Procura di Firenze “per il giudizio immediato”. Altro che “indiscrezioni”: si tratta della prosecuzione dell’inchiesta sugli appalti dei grandi eventi che ha visto coinvolto, e vede ancora coinvolto, Guido Bertolaso.

(3) Appalti per alcuni musei: questa è la notizia, ridotta a una locuzione di quattro parole. Che, naturalmente, non possono bastare per dire che con un placet del ministro Bondi sarebbe stato promosso a direttore dei lavori del restauro dei nuovi Uffizi un ingegnere agrigentino “in odore di mafia” (il fratello è responsabile tecnico di una ditta “sotto il controllo di esponenti della Cosa Nostra Agrigentina”) che “non appare essere munito di una particolare esperienza“, ma che in compenso ha seduto nel cda di una società di erbe medicinali ed è stato socio di un’altra che “ha come oggetto l’attività di parrucchiere per uomo, donna e bambino“. Per il resto dei dettagli consiglio la lettura del pezzo di Fiorenza Sarzanini per il Corriere, non esattamente un quotidiano “forcaiolo” o “giustizialista”.

(4) Non ho nulla a che fare con faccende e faccendieri: anche la replica deve essere “potata” per risultare coerente con il modo in cui è data la notizia, e in particolare con l’idea che degli atti di indagine siano “indiscrezioni”. Il ministro aveva infatti detto: “Per quanto riguarda il Museo degli Uffizi, appena ho avuto conoscenza delle indagini della magistratura, ho revocato immediatamente il commissariamento per agevolare il lavoro della magistratura stessa, proprio perché non ho nulla a che fare con faccende e faccendieri di cui si parla”. La parola “magistratura” non compare nemmeno una volta nella “notizia” data dal Tg1 – mentre invece si parla di “indiscrezioni” pubblicate dai “quotidiani”. Insomma, passa l’idea che si tratti di un ennesimo processo mediatico, quando invece è in corso una inchiesta.

Nell’edizione delle 20:00, per non sbagliarsi, della questione non si parla affatto.

Insomma, al Tg1 sbagliando non si impara. Vorrà dire che continueremo a fornire legende che trasformino quelle del telegiornale in notizie.

PS: Nel frattempo Emilio Fede dava il suo peggio.

2 pensieri su “Sul caso Bondi al Tg1 continua la scomparsa delle notizie.

  1. Su questo non ho niente da aggiungere, purtroppo, provo solo un profondo senso di impotenza, sarà che è lunedì…volevo solo dirti di continuare così. Continuando a trasformare brandelli di informazione in notizie.

  2. Pingback: L’unica ronda che ci piace « Il Blog di Paolo Agnelli

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...