L’Ultima Parola: grazie a Facebook e Twitter, possiamo già dirla. Ed è la parola “fine”.

Parli di pollai e spuntano (ancora per poco) i polli. Grazie a Facebook e Twitter siamo in grado di anticipare i contenuti principali (almeno secondo la stessa redazione) della puntata di L’Ultima Parola che andrà in onda alle 23.30. Tra cui spiccano:

Sempre grazie ai social network abbiamo la fortuna (?!) di disporre di scatti del conduttore Paragone mentre registra il suo editoriale

nonché di usufruire di un infuocato backstage in cui Vittorio Sgarbi prima teorizza che Massimo Ciancimino sia “drogato come Morgan

(ben 2 visualizzazioni nel primo quarto d’ora) e  poi se la prende con Letizia Moratti (“così impara a rompere i coglioni“).

Se non bastasse, la rete mette a disposizione degli spettatori una videochat, in cui (recita il sito della trasmissione) avranno loro “l’ultima parola”:

Due settimane fa c’eravamo praticamente soltanto io e i moderatori. Del resto non è esattamente attraente ribattere a considerazioni che gli ospiti staranno per fare (e che abbiamo già letto). Ben più interessante sarebbe se si potessero porre domande a chi è in studio. Ma per quello serve una diretta vera, non “con gli altri telespettatori”.

Se sommiamo a queste considerazioni il fatto che la fan page del programma conti poco più di 800 striminziti fan (di cui buona parte passa il tempo a irriderne i contenuti, basta dare un’occhiata alla bacheca per rendersene conto), che la videoanteprima (caricata ieri) della puntata odierna abbia totalizzato su YouTube 68 visualizzazioni e che su Twitter si contino appena 88 followers, viene spontaneo concludere che non basta copiare per filo e per segno il sito di AnnoZero e le sue modalità comunicative “2.0” per spopolare sul web

Con questi contenuti, non certo un fallimento per cui strapparsi i capelli. Un risvolto positivo, tuttavia, c’è: ora possiamo saperlo prima che vada in onda. E mettercela in anticipo, l’ultima parola: fine.

4 pensieri su “L’Ultima Parola: grazie a Facebook e Twitter, possiamo già dirla. Ed è la parola “fine”.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...